Archivi tag: pubblicità

Intervallo e pubblicità!

Standard

Intervallo

In attesa di cominciare un nuovo progetto. Faccio un piccolo intervallo

Eccomi – foto personale

Sette anni fa mi hanno regalato una piantina di orchidea viola, che anno dopo anno ha sempre fiorito generando anche tre piantine. La pianta madre era in evidente declino e così ho separato le tre piantine che ho messo a dimora in nuovi contenitori. Questo oltre due anni fa. Le nuove sono fiorite e quest’anno per la terza volta hanno prodotto i fiori.

Lunga vita a loro

Fine dell’intervallo e ora…

Pubblicità

È arrivato sul mio Kindle Fire. Prego si accomodi.

la copertina

Con piacere l’ho sfogliato

Un caso per tre

e letto il capitolo 1.

Capitolo 1

Avete indovinato di cosa parlo?

Sì. Bravi. Proprio quello che abbiamo scritto a quattro mani io ed Elena. Per qualche smemorato ricordo dove potete acquistarlo:

Formato EPUB

Kobo a solo 1,99€

Google libri a solo 1,99€

IBS a solo 1,99€

Bookrepublic a solo 1,99€

LaFeltrinelli a solo 1,99€

Formato Kindle

Su amazon a solo 2,99€

Cartaceo

Su Amazon al costo di 6,50€

Per chi ama il cartaceo e ha un Kindle o semplicemente l’app che permette di leggere i formati Kindle, allora può acquistare il cartaceo e aggiungere l’ebook a solo 0,99€. Vi piace l’idea?

Cosa aspettate a correra alla cassa?

Fine della pubblicità

Annunci

Le linee parallele si incrociano. Cos’è?

Standard
Le linee parallele si incrociano

Le linee parallele si incrociano

Le linee parallele si incrociano.  Qualcuno storcerà il naso, perché matematicamente non è possibile, almeno è quello che si hanno sempre fatto credere a scuola ma se i piani sono nelle tre dimensioni questo è possibile. Così com’è possibile che le storie di  Marco e Marta che viaggiano in parallelo per un curioso scherzo del destino sono destinate a incrociarsi.

Ma chi è Marco? Marco Pinotti è un giovane precario alla ricerca di un lavoro, possibilmente stabile. É il periodo della grande crisi che abbiamo vissuto in questi anni.  Alla ricerca di un lavoro conosce marta, una giovane donna, che lavora in un’agenzia di lavoro interinale. Come nei migliori romanzi – e il mio appartiene a questa categoria 😀 – scossa una scintilla fatale. Da questo incontro casuale scocca la fiammata dell’amore che con complicità di un contratto a tempo permette ai due ragazzi di avviare una relazione sentimentale. Passa quasi un anno, tanto che pare ben avviata la stabilizzazione del loro rapporto. Ma non avevano preso in considerazione che la crisi c’è, non è un’invenzione. Anche la società dove Marco ha un contratto a tempo determinato è travolta ed è costretta a chiudere i battenti.

Ecco che il destino, il fato incombe! Come nell’antica Grecia il Fato era un dio o una dea immaginato cieco poiché interveniva a modificare il corso della vita degli uomini senza alcuna precisa ragione, così ci mette lo zampino. Marco risponde stizzito a un sms di Marta. Il Fato è invincibile e persino gli dei vi devono sottostare, come proclamò la Sibilla nell’Oracolo di Delfi. Così tra i due ragazzi , complice il fatto che oggi ci si parla solo attraverso i messaggi, l’incomprensione si trasforma in rottura. Se nell’antica Grecia il Fato viene personificato dalle tre Moire,  tra Marco e Marca acquista le sembianze di un incauto SMS.

Marco vorrebbe chiarire, spiegare, scusarsi ma Marta non ne vuole sapere, finché dopo l’ennesimo messaggio lo chiama. Sembra che il fraintendimento sia superato e che il bel tempo torni a sorridere tra loro. Ma il Fato è capriccioso e assume le sembianze di Carlo, un maturo uomo, che si interpone tra loro. I due ragazzi trascorrono la serata insieme per festeggiare il nuovo lavoro trovato e la pacificazione ma Marta ha la testa altrove e lascia perplesso Marco, che intuisce qualcosa senza lasciarla trapelare.  Ma il Fato si diverte a giocare con loro, seminando dubbi e nuove incomprensioni. Il ragazzo incontra nel nuovo impiego Elisa, una matura manager frustrata nella vita sentimentale. E’ ricca e facoltosa e lo invita nella casa di campagna, diventando il suo amante. Marta viene irretita da Carlo, che ama impersonare la figura di Master, e viene coinvolta in una relazione sadomaso. Le loro strade divergono e sono destinate a separarsi definitivamente, se tra i due giovani non ci fosse un patto di mutuo aiuto.

Ma Marco e Marta possono combattere il Fato, che piega anche gli dei? No! Dunque ancora i capricci di questa entità volubile e capricicosa fa sì che alla vigilia delle ferie d’agosto Marta chieda il soccorso di Marco per rompere la spirale di amore-schiavitù con Carlo. Il ragazzo la soccorre ma è combattuto tra mille dubbi: se proseguire il rapporto con Elisa, troppo diversa e troppo rischiosa per via della figlia, Alice, che ha avuto un rapporto di lolitismo con un amante della madre oppure l’amore verso Marta, che non percepisce più come un tempo per via delle troppe incomprensioni tra di loro.

Ma qui mi fermo. Perché? Il finale è a sorpresa.

Per chi volesse leggere e gustarsi il finale, passa da Amazon – se hai aderito a Kindle unlimited lo leggi gratis – oppure sei vuoi farti un’idea leggendo le prime 40 pagine passa da Smashword. Se lo vuoi leggere tutto oltre a Smashword, lo trovi anche su Ibooks, su Kobo, su Tolino, Barnes & Noble e Overdrive.