This is an example of a WordPress page, you could edit this to put information about yourself or your site so readers know where you are coming from. You can create as many pages like this one or sub-pages as you like and manage all of your content inside of WordPress.

»

  1. Pingback: The versatile blogger award- I candidati | La tana di Corniola

  2. Ciao Gianpaolo… questo marasma di nomination dei primi mesi del 2014 esprime l’apprezzamento indiscusso dei tanti che ti stimano per il tuo lavoro “di uomo”, per la tua presenza sincera e saggia nei giudizi (rari)… per la tua forza coesiva… dove regna tutto questo sicuramente alberga in un grande cuore ed in una bella mente! Quindi niente patacche ne frizzi e lazzi… solo un abbraccio… sincero. Grazie
    paolo

    Liked by 1 persona

  3. Sperando di fare cosa gradita segnaliamo di aver inserito il suo blog in questo elenco 
    https://concorsoguidogozzano.wordpress.com/links/links-a-blog-amici/

    Ricordiamo che dal 28 novembre è aperta la Biblioteca Poetica “Guido Gozzano” a Terzo (Al) con oltre tremila libri di poeti italiani contemporanei.

    Distinti saluti
    Roberto Chiodo
    Biblioteca Poetica “Guido Gozzano”

    Orario apertura : sabato dalle 14 alle 17
    c/o Centro Polifunzionale Mario Mariscotti
    15010 Terzo (Al)
    bibliotecapoeticaterzo@gmail,.com

    Liked by 1 persona

  4. Ciao, ho letto su un altro blog della tua esperienza con Amazon KDP, mi consigli di ricevere i pagamenti tramite assegno o con conto corrente? Scusami per il disturbo. 🙂

    Liked by 1 persona

    • Nessun disturbo. Ti sconsiglio l’assegno, che viene staccato solo al raggiungimento di una certa cifra. L’importo non lo conosco ma oltre i 10 euro. Usa il conto corrente, fornendo le tue coordinate per l’estero – se non le conosci chiedile nella tua filale. Sono puntualissimi il primo del mese anche per importi modesti. Se hai problemi a compilare il modulo, scrivimi pure che ti dò le indicazioni. E’ molto meno complicato di quello che sembra.

      Mi piace

      • Perfetto, grazie mille. Un’ultima domanda, se volessi usare il conto corrente dovrei utilizzarne uno intestato a me o posso scegliere, ad esempio, quello di mia madre?

        Liked by 1 persona

        • ho provato a guardare il modello che ho compilato a suo tempo. Richiede solo IBAN. Poiché è un bonifico estero credo che serva il nome di tua madre nella compilazione del modello. Se non ricordo male bonifici intestati a un nome diverso del titolare del conto possono avere dei problemi. Tu prova mettere il tuo nome e IBAN di tua madre. Se non ricordo male fanno un bonifico di prova di 1 centesimo per verificare il numero di conto. Chiaramente a nome tuo è tutto più semplice.

          Mi piace

          • Ti chiedo scusa, forse non mi sono spiegato bene. Parlavo di compilare la parte del profilo Amazon e la parte riferita al fisco con i MIEI dati, per poi inserire nella sezione riferita al pagamento il conto corrente di mia madre e il SUO nome. Semplicemente mi chiedevo se inserendo due nomi diversi potevo avere problemi.

            Mi piace

              • No, penso sia lo stesso, ho compilato anche io quel modulo. Mi domando se il nome su quel modulo debba essere lo stesso dell’intestatario del conto corrente. Non so come spiegarlo meglio, purtroppo.

                Liked by 1 persona

                • ok. Li viene chiesto il nome del beneficiario del bonifico estero, l’indirizzo di residenza e qualora si sia domiciliati altrove anche quello. Perché potrei essere residente nella città di A ma l’indirizzo del mio conto corrente è la città di B dove risiedo temporaneamente. Poi viene chiesto al rigo 6 Foreign tax identifying number ovvero IBAN del conto. Qui viene il problema. Se metti il tuo nome e il tuo indirizzo, che coincide con quello del conto, probabilmente non ci sono intoppi – però non ne sono sicuro, perché le regole bancarie cambiano nel tempo. Per esserne certo chiedi alla filiale del conto di tua madre, esponendo il caso: cosa succede se arriva un bonifico estero, perché è quello che usano, con un nominativo diverso dall’intestatario. Se però avete residenze diverse, credo che sarebbe opportuno mettere il nome di tua madre e relativo indirizzo.
                  Spero di essere stato chiaro. sembra che tutto sia complicato. In realtà l’amministrazione finanziaria USA manda a quella italiana l’elenco di chi deve pagare il VAT ovvero la nostra IVA. Sotto i 50€ non succede nulla, sopra credo – non ne sono sicuro – si debba pagare qualcosa.

                  Mi piace

Sono curioso di sapere cosa ne pensi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...