Archivi categoria: disegna la storia

Disegna la tua storia – un’immagine di waldprok – La campagna

Standard

Riprendo una vecchia fotografia di Waldprok. Una campagna gialla e seccata dal sole. Una splendida immagine ed ecco che Venusia e i suoi abitanti riprendono fiato.

Fotografia di Waldprok

Buona lettura.

Venusia è immersa in una pianura piatta come una tavola a parte quella piccola protuberanza che i venusiani si ostinano a chiamare montagna.

Tutto interno si estende la campagna coltivata a grano e vigneto, costellata qua e là da piccoli specchi d’acqua.

Venusia si trova sulla rotta di migrazione delle anatre e quelle pozzanghere nemmeno troppo profonde sono il punto di sosta ideale per gli uccelli migratori. Pino conosce il periodo del passo e si apposta nello stagno grande per vedere le anatre posarsi sull’acqua dopo il lungo viaggio. Restano lì per diversi giorni prima di spiccare il volo per raggiungere la destinazione finale. In primavera lo stormo proveniente da sud si dirige verso nord, un punto imprecisato dell’orizzonte. In autunno vanno verso sud, verso il mare che scavalcheranno per svernare in una zona della terra calda. Questo glielo ha raccontato Riccardo, un giovane che sogna di fare l’etologo, di essere il Konrad Lorenz di Venusia.

Pino ascolta in silenzio le storie degli animali e del loro comportamento che Riccardo gli racconta con dovizia di particolari.

«Le anatre che vedi nello stagno arrivano da meridione dove d’inverno la temperatura è mite oppure da settentrione dove d’estate non fa troppo caldo. Riescono a volare per molti chilometri nella classica formazione a V» spiega il futuro etologo, mentre Pino ascolta a bocca aperta le sue parole. «Venusia è metà strada tra la partenza e l’arrivo. Il posto ideale per riposarsi. Nessun cacciatore a disturbarle».

Riccardo spiega che la campagna e lo stagno forniscono cibo in abbondanza per questi uccelli migratori che sembra che abbiano informato col passaparola le loro compagne che il posto è ospitale e il pasto è ottimo.

Pino ride quando ascolta questa affermazione.

«Ma le anatre non parlano» afferma il bambino con le lacrime agli occhi per il ridere. Lui, da quando frequenta lo stagno, non le ha mai sentite parlare ma solo emettere dei suoni ‘Quac, Quac,…’ piuttosto monotoni.

«Le anatre parlano un linguaggio che gli umani non comprendono» afferma Riccardo, perché è convinto che quel ‘quac, quac’ variato nella cadenza sia il loro dialetto.

«Ma sanno solo dire ‘quac, quac’!» ribatte Pino per nulla convinto che quello sia il linguaggio delle anatre per comunicare tra loro.

Riccardo gli accarezza il capo sapendo che sarà dura fargli capire che ogni specie animale comunica tra loro mediante dei suoni che a noi umani sembrano tutti uguali.

Annunci

Disegna la tua storia – un’immagine di Etiliyle – artisti di strada

Standard

Questa bella immagine di Etiliyle mi ha suggerito questo mini racconto

Buona lettura

Il borgomastro di Venusia ha un’idea: colorare i lastroni della piazza con la fontana senz’acqua. Però c’è un intoppo: nessuno dei suoi concittadini sa tenere un pennello in mano. Quindi decide di convocare il consiglio dei saggi che governa Venusia per studiare come fare. Il più giovane dei savi ha ottanta cinque anni, il più vecchio non ricorda nemmeno l’anno di nascita. Insomma una allegra squadra di giovanotti di una volta.

«Voi siete i saggi di Venusia» attacca da lontano Roberto B., il borgomastro. «Quindi mi potete illuminare con la vostra saggezza».

Un mormorio si leva da quel uditorio di persone che non hanno ben compreso cosa vuole da loro il borgomastro. Quasi tutti sono sordi e quelli più giovani, si fa per dire, portano l’apparecchio acustico.

È tutto un “cosa?”, “come?”, “perché?”, finché Martino non si alza per chiedere cosa vuole da loro.

«Non abbiamo ben capito perché ci abbia convocati» spiega Martino, stringendo gli occhi da miope.

«Come ho detto» ripete con pazienza Roberto B., sospirando perché forse doveva convocare i pochi giovani venusiani meno tonti e senza problemi della prostata. «Vorrei abbellire la piazza della fontana…».

«La fontana senz’acqua?» chiede Piero, il giovincello della squadra, come se a Venusia ci siano piazze a iosa e fontane che buttano acqua o vino.

In effetti se lo facessero ci sarebbe la coda a bere.

«Bravo Piero! Proprio quella» lo canzona il borgomastro con il tono sarcastico della voce. «Vorrei abbellirla con dei disegni».

«E dovremo farli noi?» suggerisce Armando dalla testa liscia come un uovo, mentre trema al solo pensiero di dover colorare il quaderno del nipotino.

Roberto B. sbuffa perché se si prosegue così non si arriva da nessuna parte.

«No, non voi» si affanna a spiegare il borgomastro a cui è venuta la pelle d’oca all’idea che lo facciano loro.

“Se lo volessi affidare a voi starei fresco, visto che non sapete tenere in mano nemmeno una matita” riflette Roberto B. visibilmente adirato. Inspira aria per mascherare l’irritazione prima di proseguire.

«Vorrei trovare uno o più artisti che sappiamo come tenere in mano un pennello» conclude il borgomastro che sta sudando copiosamente anche se la temperatura non è calda. Rivoli si sudore scendono dalle tempie e sotto le ascelle si formano dei grossi aloni nella camicia.

«Ma signor borgomastro basta dirlo chiaro che volete qualche madonaro a decorare i lastroni di porfido della piazza» esclama Oreste che si è appena svegliato del pisolino.

«Bravo Oreste!» afferma Roberto B. che si morde la lingua per non averci pensato lui. «Facciamo un bel concorso e così senza spendere un venusino ci ritroviamo decorata la piazza».

«Ma il concorso chi lo fa?» chiede Amilcare che ha sentito qualche parola smozzicata. «Il concorso per diventare borgomastro?»

Roberto B. diventa rosso come un peperone e pare un vulcano pronto a eruttare parolacce ma si trattiene. L’idea del concorso d’idee gli piace e non ha certo bisogno di questi vecchi bavosi per metterlo in piedi.

«Ragazzi mi siete stati di grande aiuto per risolvere questo problema. Potete tornare alle vostre occupazioni» li congeda il borgomastro ansioso di liberarsi di questa compagnia.

Qualche settimana dopo una bella squadra di artisti di strada sono al lavoro sui lastroni di porfido della piazza per trasformarli in opere d’arte.

 

Scrivere creativo – miniesercizio 80 – Una giornata a Tokyo

Standard

Nuova sfida sulle 200 parole e tre lemmi slegati tra loro proposta da Scrivere creativo. Ecco l’esercizio proposto.

Questo tipo di esercizio ha l’ambizione di sviluppare la fantasia dello scrittore attraverso un approccio visivo di tipo statico, appunto una fotografia.

L’aspetto di osservazione è fondamentale in quanto bisogna essere in grado di raccontare ciò che si vede a qualcuno che appunto non vede quel che guardate voi. E non è semplice farlo in modo originale e credibile.

Inoltre con i tre parametri definiti ogni volta diversi proponiamo una “confusione” mentale che può far scaturire una storia che non immaginavate neanche di poter pensare.

Per concludere il limite di parole, che vi obbliga a non dilungarvi in concetti relativamente inutili o ripetitivi e a concentrarvi su un buon contenuto.

Inventate una storia tra le 10 e le 200 parole avendo a disposizione:

– Una parola che nessuno può dire

– Un venditore zoppo

– Una città dell’estremo oriente

rain-3443977

Sofia camminava per le vie di Tokyo osservando i passanti che la sfioravano. Qualcuno con un inchino sembrava volersi scusare di averla lambita. Era un mondo diverso da quello in cui era vissuta.

Aveva vinto un favoloso viaggio di una settimana a Tokyo collezionando le figurine Liebig, che aveva deciso di premiare i clienti affezionati ai suoi prodotti.

Sofia adesso si trovava lì in mezzo a gente sconosciuta, che parlavano un linguaggio strano composto da segni ancor più misteriosi. Era tutto un inchino. “Prego, prima lei”. “No, prima lei”. E così rimassero sulla soglia del negozio per ore a scambiarsi cortesie, finché esausti non decisero di andarsene senza essere entrati nella bottega.

Sofia era senza parole nel vedere questo siparietto che non riusciva a capire. “Stare impalati per ore per stabilire chi deve entrare per primo” pensò Sofia, mentre guardava la vetrina di un verduraio. “Mi sembra uno spreco senza senso”.

Alzò gli occhi e lesse l’insegna “Frutta e verdura di Haruki Yamamoto”, mentre dentro vide un omino grinzoso che zoppicava. Dal labiale evinse che stava pronunciando un’imprecazione scurrile.

Non seppe il perché ma scoppiò a ridere. “Anche in Giappone si usano pronunciare le parolacce” si disse, mentre si allontanava.

Scrivere creativo – miniesercizio 79 – Pieter

Standard

Riprendo un vecchio esercizio di scrivere creativo di qualche settimana fa. Di seguito il testo proposto.

Questo tipo di esercizio ha l’ambizione di sviluppare la fantasia dello scrittore attraverso un approccio visivo di tipo statico, appunto una fotografia.

L’aspetto di osservazione è fondamentale in quanto bisogna essere in grado di raccontare ciò che si vede a qualcuno che appunto non vede quel che guardate voi. E non è semplice farlo in modo originale e credibile.

Inoltre con i tre parametri definiti ogni volta diversi proponiamo una “confusione” mentale che può far scaturire una storia che non immaginavate neanche di poter pensare.

Per concludere il limite di parole, che vi obbliga a non dilungarvi in concetti relativamente inutili o ripetitivi e a concentrarvi su un buon contenuto.

Inventate una storia tra le 10 e le 200 parole avendo a disposizione:

– Una chiave

– Un vecchio arrampicato su un albero

– Una specifica via di Berlino

auto-3370706_1920

 

Pieter camminava lungo Unter den Linden verso la porta di Brandeburgo quando si chinò a raccogliere una chiave. Rimase sorpreso perché era come quelle che si usano per aprire le vecchie porte, arrugginita e scomoda da mettere in tasca.

Girò lo sguardo intorno a sé per vedere se qualcuno la reclamava. Rimase basito, perché ebbe l’impressione di essere invisibile. Avvertiva lo sfioramento dei corpi ma loro non provavano la medesima impressione.

“Che sia fatata?” si chiese, stringendola e fu catapultato in un altro mondo.

Si trovava in una foresta dove il sole faticava a penetrare. Odore di muschio, di umidità stantia. Si guardò intorno: “Dove sono finito?” ma non capì nulla salvo che aveva dismesso il gessato e il cappotto foderato di agnello. Le eleganti scarpe erano sparite e i piedi erano nudi incrostati di fango.

Sbigottito con la chiave in mano mosse un passo sul tappetto verde di soffice erba. In preda al panico si diresse verso l’albero dalla chioma ampia come il suo giardino.

Alzò gli occhi, sgranandoli perché seduto sul ramo stava il vecchio Adolf che lo salutò con la mano.

Diede una capocciata contro il tronco mentre guardava in alto svegliandosi in un lago di sudore.

Disegna la tua storia – Contest di webnauta – una storia da spiaggia -1

Standard

Qualche settimana fa ho proposto questo racconto che parteciperà al contest dell’estate di Webnauta con zero probabilità di vincere qualcosa ma De Coubertin insegna anche a gareggiare. Il precedente non andava bene perché mancavano due tasselli: le parole impreviste. Adesso è completo. Quindi quattro parole chiave: ondivago, bardo, clafoutis e brillante più due parole parole misteriose che non rivelerò nemmeno sotto tortura. Non si scherza mica. Non sono bruscolini 😀

Adesso basta, leggete, dite la vostra. L’ombrellone vi aspetta.

 

Arrivati a marzo si pone il problema di come superare lo spartiacque estivo, come se poi tutto il resto dell’anno filasse liscio.

È questo il pensiero di Emilia che non sa come organizzare i tre mesi estivi. Qualcuno strabuzza gli occhi. «Tre mesi di vacanza?» «Sì, proprio così. Giugno, luglio e agosto. Per settembre si torna a casa per riprendersi dalla sbornia vacanziera».

Un pensiero ondivago si fa strada nella mente di Emilia che non sa decidersi quest’anno. L’anno scorso è stato un viaggio a piedi per l’Europa del sud. Tanti i chilometri e tantissimi i posti visitati. Quello precedente si è affidata al treno che l’ha portata in giro per la Russia. L’anno ancora prima partendo da Milano ha raggiunto il nord America e da lì è iniziato un viaggio verso la Patagonia. Per gli altri anni non ricorda dove ma sono stati bellessimi.

Però il problema è adesso. L’entropia del sistema vacanze non ammette deroghe. Il disordine regna sovrano nella testa di Emilia. Il passaggio dallo stato ordinato del metronomo casa, lavoro, casa a quello disorganizzato di un viaggio lungo tre mesi racchiude tutta la sua insicurezza.

Giugno è vicino e gli amici con i quali condivide le vacanze estive premono per sapere dove. Però Emilia non riesce a decidere né il mezzo né le località da toccare. Viaggiare a piedi è stancante. Ricorda le piaghe dello scorso anno. Il treno è bello perché durante gli spostamenti si può chiacchierare in santa pace ma è limitato alle sole tratte ferroviarie. L’aereo è costoso e poi i viaggi low-cost sono snervanti. Barca? No, grazie! Bicicletta? Auto? Tanti mezzi ma non tutti graditi dai compagni di viaggio: Sara, Michele e Marietto.

È un nucleo adamantino il loro, difficile da scalfire ma pronto a incidere nella scelta delle vacanze. Sembrano due coppie ma in realtà sono quattro amici legati dalla stessa volontà di divertirsi, di fare qualcosa fuori del comune.

“No, devo trovare qualcosa di originale? Ma cosa?” riflette Emilia, legando i lunghi capelli con un elastico. “Siamo a marzo ma fa già caldo ma zero idee”.

Sono dieci anni che fanno questa scorpacciata di vacanze e quindi le ipotesi sui luoghi diventano sempre più complicate. “Ma loro vengono a rimorchio. Mai una volta che suggeriscano un itinerario da esplorare. Devo fare tutto io. Tappe, prenotazioni e organizzare ogni dettaglio” mormora un po’ infastidita ma al tempo stesso soddisfatta, pensando alle esperienze passate.

In realtà non è così. A lei piace fare tutto da sola e poi presentare il tour seduti a tavola con grandi slide proiettate sul soffitto. ‘Con la pancia piena si ragiona meglio’ è sempre stato il suo motto ma adesso si trova un po’ in difficoltà.

“Ma quest’anno dove li porterò?” si domanda aprendo google map sull’Europa.

Seduta davanti al suo computer gira gli occhi per la stanza. Di fronte sta la libreria con sotto il divano. Alla sua destra un mobile dei primi del novecento in radica e borchie di rame in stile liberty. Alle sue spalle l’impianto hi-fi. Però per terra ci sono libri accatastati alla rinfusa.

“Un viaggio solo acqua? Oppure un mix?”

Niente, nessuna idea viene in soccorso, quando l’occhio cade su un volume dei Meridiani mescolato insieme ad altri testi. ‘Teatro completo. Testo inglese a fronte. Vol. 4: Le tragedie’ di William Shakespeare. Un vecchio volumetto un po’ malmesso. Lampadina.

«Ecco la destinazione. Stratford-upon-Avon e al ritorno Limoges» esclama entusiasta. «Con quale mezzo?» L’entusiasmo si sgonfia come un palloncino bucato.

Tre sere più tardi sono attorno un tavolo pieno di briciole e gocce di vino. Con un colpo di mouse srotola sulla parete un’immensa carta dell’Europa occidentale che pare animata di vita propria.

«Ecco questo è l’itinerario proposto».

Sara rimane interdetta. Pare un serpente che si morda la coda.

«Non ti pare di essere stata un po’ ondivaga?»

«Cosa c’è di male andare per mare?» replica divertita Emilia.

«Oh, Bardo del mio cuore, stiamo arrivando!» esclama Emilia salendo sul treno per Varazze, dove un Oceanis 48 li sta attendendo.

Quest’anno non si è badato a spese. Una bella barca da crociera comoda e sicura per affrontare l’Oceano Atlantico e le sue insidie.

Nessuno di loro sa governare un’imbarcazione ma hanno ingaggiato un skipper per i tre mesi. Non hanno fretta e chi ne avrebbe con oltre novanta giorni a disposizione? Con lo skipper avevano concordato il piano di navigazione. Quello ambizioso in assenza di tempeste traiettorie diritte. Quello prudente se il tempo non sarebbe stato clemente veleggiare sotto costa.

Dopo venti giorni di navigazione siamo a Brest per il meritato riposo. Un giorno solo ma camminare sul solido terreno è una sensazione appagante. Un vento gagliardo ci ha spinto verso Gibilterra e poi in direzione nord. Sono stati venti giorni di allegria con lo skipper che ci ha torchiato per bene, perché di miglia marine ne abbiamo dovuto macinare molte. Ora so che il cockpit non è un dolce e il genoa non è l’altra squadra di Genova. Marietto sa come alzare una vela senza aggrovigliare i cavi. Passi da gigante senza dubbio. Ci rimane un tratto insidioso quello che sta davanti alla Cornovaglia, che doppiata ci fa arrivare a destinazione.

«Bardo, aspettaci che stiamo arrivando».

La gita a Stratford-upon-Avon è stata magnifica. Dieci giorni per la vallata del Seven e dell’Avon in barca, in bicicletta e a piedi sotto il sole e la pioggia che non può mancare da queste parti. Questa bella cittadina vive nel ricordo del suo illustre antenato e ogni angolo ce lo ricorda. Adesso dopo la circumnavigazione della perfida Albione con una puntata a visitare le Orcadi siamo a S. Nazaire pronti per raggiungere Limoges attraverso la valle della Loira e dei suoi castelli. Ho promesso loro la clafoutis più invitante della loro vita. Non sanno cosa li aspetta! Pensano a tutto: porcellane, vino, luoghi misteriosi. Non sanno, i poverini, che si mangeranno una fetta di torta con dentro le ciliege nere ma forse con altra frutta di stagione, perché le ciliege a fine luglio sono un pallido ricordo. Abbiamo due settimane per raggiungere Limoges e puntare su La Rochelle dove il nostro skipper impaziente ci aspetterà per riportarci il 31 agosto a Varazze. La Loira appare un fiume sonnacchioso che scorre su un letto sabbioso in questo periodo. Quest’anno è ancora più magro perché un inverno mite e asciutto l’hanno prosciugato. Tuttavia noi non demordiamo. Qualsiasi mezzo è buono e poi siamo in perfetta forma e rilassati. Il colorito scuro ci fa sembrare dei vu’ cumpra’ se non fosse per i capelli che variano dal rossiccio di Marietto al biondo cenere di Sara con tutte le sfumature intermedie. Ci muoviamo come un sinuoso serpente allungando la strada pur di visitare i vari castelli che sono in zona.

«Limoges!» è il grido di tutti noi coi piedi piagati dalle vesciche, quando arriviamo in centro città. Affamati, distrutti ma felici ci sistemiamo sotto un ombrellone della ‘brasserie Le Cap’tain’ di fronte a les Halles. Mangiamo di tutto ma la sorpresa arriva alla fine. Una torta intera di clafoutis alle pere, che non è la stessa cosa di quella alle ciliege ma per mangiarla dovevamo fare come prima tappa questa magnifica città fondata da Augusto nel 10 d.C. Però non era possibile e una bella risata mi sfugge dalla bocca.

Da La Rochelle riprendiamo il viaggio di ritorno con la pelle cotta dal sole e dalla salsedine. Siamo tutti stanchi ma felici. Un’esperienza favolosa, frutto di una brillante idea. Un po’ ci dispiace tornare all’ovile ma dopo tre mesi su una barca abbiamo voglia di calpestare la terra e non ballare sul ponte di legno di un Oceanis 48. Per fortuna non abbiamo dovuto affrontare tempeste ma solo mare mosso. Una cosa accettabile tutto sommato, da firmare prima della partenza. Il vento ha spirato nella giusta direzione gonfiando le vele e facendoci correre veloci sull’acqua.

Adesso siamo qui sul terrazzo della mia casa a vedere le immagini più significative della vacanza, a gustarci uno spritz con tartine al prosciutto ma in particolare a ridere per qualche disavventura capitata nei tre mesi di viaggio.

Non credo di avere mai avuto un’abbronzatura così perfetta. Sembro proprio una marocchina.

 

 

Disegna la tua storia – un’immagine di Waldprok – il salice

Standard

Nuova stupenda immagine di Waldprok e nuova storia.

Nel giardino di Alice c’è un maestoso salice, quelli che chiamano piangenti.

«Non hai mai visto il mio salice piangere?» ha detto una mattina Alice a Martina, che abita nella casa accanto.

Martina l’ha guardata strana come si guarda chi è un po’ tocco. Quel misto di ironia e di compatimento che cavalca gli occhi di chi non crede a quello che gli dicono.

«Ma lo chiamano così perché è la forma della pianta a suggerire il nome» afferma Martina, trattenendo il riso. Solo un sorriso stirato, appena accennato.

Alice scuote il capo. Non è affatto vero quello che dice l’amica. Il salice piange e piange per davvero. È difficile convincere qualcuno che crede che sia una frottola.

«Ma lo sai perché piange?» domanda Alice, incrociando le braccia.

«Perché qualcuno lo sa?» replica in modo indisponente Martina.

«Io sì» afferma col cipiglio di chi la sa lunga.

Martina non trattiene la risata. “Ora è troppo” pensa con le lacrime agli occhi.

Alice senza scomporsi inizia a spiegare.

«Un tempo il salice era come tutti gli altri alberi. Fusto eretto e rami protesi verso il cielo. Era nato sulle sponde di un rio dalle acque fresche e canterine. Tra loro sorse un’empatia spontanea. Il ruscello gli decantava le meraviglie del mondo, il salice lo stava ad ascoltare per ore. Si facevano compagnia a vicenda finché un giorno un boscaiolo decise di tagliarlo, perché il suo tronco eretto e slanciato gli sarebbe servito per produrre delle assi dritte e senza nodi. Ma… c’è sempre un ma, perché il ruscello al pensiero di perdere un amico proprio non ci stava. Così consigliò al salice d’incurvarsi verso di lui fino a toccare con le proprie fronde le sue acque cristalline. Detto e fatto: il salice non era più dritto come un fuso. Quando il boscaiolo tornò con l’accetta per tagliarlo rimase disorientato. ‘Eppure qui c’era un albero dritto mentre ora ce ne è uno tutto storpio’ pensò mentre si allontanava dispiaciuto. ‘Forse ho bevuto un bicchiere di vino di troppo. Devo rimanere più sobrio quando vado nel bosco’. Da quel momento il salice piange ogni volta che qualcuno lo tratta male e le sue fronde pendono verso terra».

Martina si tiene la pancia. Il riso è irrefrenabile mentre corre via con grossi lacrimoni a rigarle il viso.

«Mai ascoltata una fandonia così grande» urlò tra un singhiozzo e una risata.

Alice dispiaciuta per non essere stata creduta si rifugia sotto il suo salice e insieme piangono amaramente.

Disegna la tua storia – un’immagine di Etiliyle – L’arco

Standard

Questa volta è il turno di Etiliyle e le sue belle immagini.

Etiliyle-Luca Molinari Photo

Buona lettura

A Venusia il parco è davvero squallido. Due alberi spelacchiati, un prato ridotto a una risaia asciutta, un rigagnolo dal fondo secco.

Il borgomastro si vergognava quando ci passava davanti: ne andava del decoro di Venusia. Così una mattina di aprile decide che deve essere sistemato a puntino. Chiama Severino, il segretario tuttofare, che ne sa una più del diavolo.

«Il parco delle rimembranze fa schifo» esordisce Roberto B. col viso schifato.

«Cosa dovrei fare? Sistemarlo di persona?» risponde il segretario prendendo in contropiede il borgomastro.

Roberto B. lo guarda storto, perché non perde il vizio d’interromperlo mentre parla.

«Bisogna organizzare un contest d’idee su come sistemarlo» continua ignorando la domanda del segretario.

«Un contest… di cosa?» chiede Severino, spalancando la bocca per la sorpresa. Il borgomastro sta usando parole raffinate mai sentite prima. “Che razza di novità sono queste?” riflette spalancando gli occhi un po’ acquosi.

Roberto B. inspira aria nei polmoni, conta fino a dieci e poi l’espelle. “Devo dare una lezione di bon ton al ragazzo” pensa il borgomastro, prima di riprendere a parlare.

«Deve preparare un bando per i nostri concittadini su come vorrebbero vedere il parco…».

«Cosa mettiamo in palio?» interviene Severino, mentre il borgomastro sbuffa come il mantice nella fornace di Pietro, il fabbro ferraio di Venusia.

«Voglio un’idea creativa per abbellire il parco» conclude Roberto B. sospirando. «Si metta subito al lavoro, perché ha già poltrito abbastanza».

Con un gesto deciso della mano lo congeda ma il segretario indugia nella stanza del borgomastro. Non ha compreso bene cosa deve mettere in palio. “Un pallone gonfiato? Una pacca sulla spalla?” pensa, grattandosi la guancia un po’ ispida per la barba malfatta.

«È diventato sordo all’improvviso? Ora esca in fretta ed entro stasera voglio leggere il bando. Sciò!» dice Roberto B. visibilmente arrabbiato agitando la mano destra con energia.

Severino batte in ritirata, perché sa che il capo sta per esplodere se resta un microsecondo in più nella stanza.

Chiuso nel suo ufficio si scervella cosa mettere nel bando. Tutte le idee sono sparite e non sa come iniziare. Il cestino è pieno di pallottole di carta. Ha già consumato una risma di carta. Quando… lampadina! “Ecco cosa scrivere!” si dice felice e beato.

Contest delle idee. Chi avesse un’idea di come sistemare il parco delle rimembranze è pregato di telefonare a 389010403. Quello sono io. Non si vince nulla ma una in internet. Così è stato un gioco da ragazzi copiare l’immagine di Etiliyle.pacca sulla spalla non si nega a nessuno. Firmato il vostro amato Borgomastro.

Tutto feli in internet. Così è stato un gioco da ragazzi copiare l’immagine di Etiliyle.ce si presenta a Roberto B. mostrando con orgoglio il manifesto, che suscita un grugnito come risposta da parte del borgomastro.

«È questo sarebbe il bando delle idee?»

«Cosa non va? Chiedo come sistemare il parco. Non prometto nulla come fanno tanti politici. Insomma c’è tutto» replica il segretario.

Il borgomastro allarga le braccia che fa ricadere sui fianchi sconsolato prima di congedarlo.

Sei mesi più tardi il parco delle rimembranze è come in fotografia. Un arco con sopra un’aquila in marmo, poggiato su un gruppo di rocce da cui parte un ruscello con i pesciolini rossi e tanti alberi intorno.

Se Severino avesse dovuto aspettare le idee dei venusiani, starebbe ancora in attesa. Per fortuna Lorenzo è pieno d’idee e di libri sulla capitale Ludi e sa navigare in internet. Così è stato un gioco da ragazzi copiare l’immagine di Etiliyle.

Disegna la tua storia – un’immagine di Gaia Conventi – il mercatino

Standard

Una nuova entrata Gaia Conventi che nel suo blog fatiquei propone le sue splendide immagini. Ecco il mercatino del vintage del fine settimana scorsa.

Buona lettura

Nella piazza della fontana senz’acqua tutti i lunedì si tiene a Venusia il mercatino delle pulci. Ogni abitante porta qui quello che scova negli scantinati, nelle soffitte e in fondo ai cassetti.

Qualcuno può opinare che dopo un po’ non ci sia nulla da scambiare ma si sbaglia e grossolanamente. Sembra che sia un pozzo senza fine. C’è sempre della mercanzia nuova, si fa per dire perché è vecchia e talvolta mal messa.

Ognuno di buon mattino, quasi subito dopo che l’unico gallo ha cantato al nuovo giorno, carica chi sul carretto, chi sulle spalle le cose che tra un lunedì e l’altro ha scovato in casa.

Arrivati sulla piazza vanno a cercare il loro rettangolo numerato. L’uno a Carola, il due a Sandra e così via. Ognuno ha il suo pezzetto codificato da un numerino che Sghego nella sera della domenica applica al selciato.

Si deve sapere che qualche anno prima non esisteva questo ingegnoso sistema. Chi primo arriva, bene alloggia. E non racconto i litighi che sorgevano.

«Questo posto è mio» diceva Elisa, indicando col dito un invisibile segnale di occupato. «Glielo ho messo stanotte prima che il gallo canti!»

Veronica scuoteva il capo, stringeva le labbra e socchiudeva gli occhi incattiviti. Non vedeva nessun segnale e poi era arrivata prima lei.

Sghego, che faceva oltre che l’oste anche il vigile, si metteva in mezzo alle due litiganti e proponeva la classica monetina.

«Se esce la fortezza, è di Carola. Se esce la fontana è di Veronica».

Dalla tasca destra estraeva l’immancabile monetina da cinque venusini e la lanciava in aria. La perdente mugugnava e andava a cercarsi un altro posto che era anche il più sfigato. La lite, che non interessava nessuno, le aveva fatto perdere tutti gli altri posti.

Così Severino, il segretario del borgomastro ha una grande idea.

«Mettiamo a sorteggio i posti» spiega al borgomastro, che non capisce il motivo del sorteggio ma non può dimostrarsi più ignorante del suo segretario.

Roberto B. annuisce come se avesse compreso tutto mentre in realtà non ha capito una minchia.

«Fatto il sorteggio che si fa?»

Severino sorride sotto i baffi, perché deve spiegare con poche parole la funzione del sorteggio.

«Ma signor borgomastro» esclama fingendo di scandalizzarsi. «Il vigile nella sera della domenica mette i patacchini per terra».

«E la gente che se ne fa dei patacchini?» insiste il borgomastro sempre più in confusione.

«Non litiga».

«Ma i venusiani si litigano per adesivo piazzato per terra?» afferma il borgomastro spalancando gli occhi leggermente acquosi.

Severino si mette una mano davanti alla bocca e si fa venire il singhiozzo per non ridere in faccia al borgomastro.

«Ma se Elisa ha il sessantanove, dico un numero a caso, lo cerca e sistema la sua roba nel rettangolo assegnato» spiega con pazienza il segretario che sta ancora tossendo per aver mandato indietro la risata.

«Ok. Proceda pure col sorteggio» dice il borgomastro per togliersi dalla situazione d’imbarazzo.

E così da quel giorno ognuno ha il suo numero e può arrivare anche dopo la colazione delle nove, perché nessuno glielo porta via.

Disegna la tua storia – un’immagine di Etiliyle – il Tevere

Standard

I nostri simpatici venusiani scoprono per merito di Etiliyle e della sua immagine il Tevere. Buona lettura

A Venusia le notizie arrivano poche e in ritardo. Il 29 giugno si celebra la festa del paese ma tre giorni dopo, il primo luglio, tutti i cittadini di Ludilandia erano invitati a Ludi. Tre giorni di festeggiamenti ospiti nei migliori alberghi della capitale.

L’invito per il borgomastro, il capomastro e quaranta muratori di Venusia è arrivato per il tramite di un fattorino ricoperto di polvere solo il trenta giugno ovvero la vigilia della grande festa. Nel palazzo comunale si sono agitati e non poco.

«Il capomastro?» domanda con gli occhi spalancati per la sorpresa il borgomastro. «Ma chi è?»

Il borgomastro si gratta la testa quasi calva, temendo di essere passato in seconda linea. “Se io sono il mastro del borgo, il capomastro è il mio capo” riflette, ripetendo più volte l’equazione ma il risultato non torna.

A forza di grattarsi furiosamente in testa si sono formate mille croste sanguinolente. Convoca il suo segretario, che ne sa una più del diavolo per capire chi sia questo capomastro. “Ma poi quaranta muratori… Ma dove li trovo?” si chiede tremando al pensiero di non essere più il capo indiscusso di Venusia.

Il segretario entra senza bussare, tanto chi comanda è lui.

«Mi ha chiamato, signor borgomastro?»

Sembra quasi una presa in giro, mentre il borgomastro agitato come il mare in burrasca non se ne accorge.

«Lei conosce bene gli ingranaggi del palazzo comunale, Chi é il capomastro? E come possiamo racimolare quaranta muratori?»

Il segretario ghigna pensando che il borgomastro è proprio un pataccone.

«Deve sapere, signor borgomastro, a Ludi sono tutti massoni. Il Capomastro è il capo della combriccola. I muratori sono gli adepti. Per un lapsus freudiano pensano che anche Venusia sia massone…» spiega il segretario con un sorriso da ebete sulla faccia.

«Mi scusi ma il massone dove lo trovo?» domanda ingenuamente il borgomastro. «Un masso si può recuperare ma un massone no!»

Il segretario si mette una mano sulla bocca per coprire la risata.

«È una loggia di fabbri e muratori» prova a spiegare paziente, suscitando lo scoramento del borgomastro.

Riflette come illustrargli che in realtà l’invito è per lui e quaranta cittadini di Venusia dove lui è il capomastro e gli altri sono i muratori.

«Signor Borgomastro, il messaggio è in codice, perché se intercettato da una potenza straniera…».

Il segretario si gira perché non può ridere in faccia al suo capo. Poi si ricompone e riprende la spiegazione.

«…Come le dicevo il messaggio è in codice a prova d’intercettazione. Il capomastro è lei, i quaranta muratori sono quaranta venusiani».

Il borgomastro fa fuoriuscire tutta l’aria dai polmoni per lo scampato pericolo ma adesso c’è il problema della scelta dei quaranta.

«Ma per quelli?»

«Mettiamo i nomi nell’urna poi chiamiamo Sghego per far estrarre chi partirà con lei per Ludi. Li carichiamo sul pullman che arriva domattina alle sette e si va a Ludi» spiega il segretario, che esce per organizzare la pesca miracolosa.

Alle sette il borgomastro, il segretario, Sghego e quaranta venusiani partono per Ludi. Arrivati alla periferia dopo tre ore di viaggio dai finestrini vedono un corso d’acqua ampio ma sporco che scorre placido tra due muraglioni ricoperti di erbacce.

«E quello cos’è?» domanda Ermete.

«Ma sei proprio ignorante» replica Berto. «Quello è lo scolo di Ludi».

Tutti ridono mentre sciamano felici per la capitale che tutto sommato appare più sporca e incasinata di Venusia.

Disegna la tua storia – un’immagine di Etiliyle – le rotoballe

Standard

E’ tempo di trebbiatura e Etiliyle ha colto in momento in cui le stoppie diventano rotoballe.

etiliyle-luca molinari photo-natura al tramonto236468660..jpeg

Nella zona orientale di Venusia ci sono i campi coltivati, dove si produce quanto serve per la piccola comunità. Le vigne producono il raboso, un vino forte e robusto come lo sono i venusiani. Qualche vigneto di bianco è a macchia di leopardo per una Albana dolce, come piace alle donne. Piccoli orti orlano le case situate ai margini di Venusia. Poi ci sono i campi di grano e di mais. Più grano che mais, perché quest’ultimo non ama la siccità e a Venusia c’è penuria di acqua.

Quando a giugno si trebbia il grano, rimangono le stoppie che vengono raccolte in rotoballe. Rimangono lì malinconiche e sole, finché qualcuno non arriva a portarle via. Dove non si sa. In effetti Ermete si è sempre chiesto dove finiscono. “Dovrebbe essere il foraggio delle bestie” riflette grattandosi il mento. “Ma di stalle a Venusia non ce ne sono”.

Qualcuno potrebbe chiedersi se sono tutti vegani a Venusia. In effetti vegani proprio no ma vegetariani quasi.

«Ma che differenza c’è tra un vegano e un vegetariano?» chiede Berto a Mario, che secondo lui è più istruito, perché ha frequentato la scuola media con risultati scarsi.

Mario assume un’aria assorta da grande intellettuale. Sembra il pensatore di Rodin. Con la mano destra che regge il capo e la sinistra poggiata sul ginocchio, seduto sulla sedia.

Ermete lo guarda con l’occhio distratto, mentre Berto a bocca aperta aspetta il responso.

«Entrambi non mangiano carne» afferma tutto compunto Mario, che in realtà non conosce la risposta.

«Se li chiamano con due nomi diversi qualcosa li differenzierà pure» incalza Berto scontento dell’informazione ricevuta.

Mario finge di non aver ascoltato la lamentela del compare di gioco. Con lentezza solleva il bicchiere mezzo vuoto di raboso per portarlo alle labbra.

«Certo che nessuno dei due mangia carne ma il formaggio lo assaggia solo il vegetariano» viene in aiuto Sghego che sulla porta ha ascoltato la conversazione.

Berto si gira verso l’ingresso perché non capisce il senso della rinuncia. Lui al formaggio di capra non vuole privarsi. Quello ben stagionato e dolce. Le capre brucano l’erba fresca e non prendono il fieno come quelle sciocche delle mucche. “Il segreto del formaggio sta tutto qui” pensa preparandosi alla sua battuta.

«Ma chi è quell’imbecille che non mangia il formaggio a prescindere?»

«Il vegano».

«Sempre pensato che fossero degli sciocchi. Basta pensare solo al nome» dice rinfrancato Berto e torna alla partita a briscola.