Archivi categoria: award

Guarda un po’: SunShine Blogger Award

Standard

Ringrazio Recensione53 per aver pensato a me per questo award.

Le regole sono sempre le stesse SunShine Blogger Award non fa eccezioni. Riporto per chi non le conosce:

– Ringraziare il blogger che ti ha nominato nell’apposito post dedicato al Sunshine Blogger Award e scrivere il link del suo blog.

Fatto.

– Rispondere alle 11 domande che il blogger ti ha posto.

Fatto. Le leggete dopo questo elenco

– Nominare altri 11 blogger e chiedere loro 11 nuove domande.

Non lo farò. Tutti sono nominati e se vogliono possono rispondere a queste.

– Informare i candidati sul contest commentando uno dei loro post sul blog.

Non sarà fatto, perché basta ai blogger che leggono il mio per essere informati.

– Elencare le regole e mostrare il logo di Sunshine Blogger Award nel tuo post e/o sul tuo blog.

Fatto. Logo pubblicato ed elenco regole riportate.

Adesso viene il bello ovvero rispondere alle 11 domande di Recensione53.

1) Come ti chiami?

Per chi non lo sapesse ancora Gian Paolo.

2) Quale posto ti piacerebbe visitare?

Sarebbero troppi da scegliere. Mi troverei imbarazzato escludendo uno piuttosto che un altro. Diciamo tutta l’Italia

3) Ti piacerebbe vivere nel 3000? Come lo immagini?

Diamine sarei un Matusalemme! Nel 3000? Mi accontento di arrivare nel 2019. Poco? Un passo per volta. Fino adesso ci sono arrivato, dopo è tutto da verificare. Come sarebbe il 3000? Beh! Forse sarei all’altro mondo tra sirene e frutti esotici, ammesso che non finisca tra le fiamme dell’inferno. Comunque non lo so, perché dubito che la nostra terra ci arrivi. Catastrofismo? Direi di no, visto l’andazzo del presente.

4) Qual è il personaggio storico che più ammiri?

Bella domanda. Esiste una di riserva? Sai che non ci ho pensato a quale personaggio storico vanno le mie preferenze? Sono grave? Ditemi di no, vi prego.

5) Quali sono le tue fragilità?

Fragilità? Giammai ammetterò di essere fragile, ma sì, insomma sto diventando vecchio. Però sono inossidabile alla faccia della fragilità.

6) Ti capita di sognare ad occhi aperti?

Certamente. Come ora che rispondo a undici domande. Una più furba delle altre. Scrivo e son desto oppure sogno e scrive il mio omonimo? Boh! Lascio a voi decidere. Io nel mentre schiaccio un pisolino. Capperi come i vecchi…

7) Fotografia, disegno, scrittura, cinema, teatro… Quale attività preferisci?

Domanda secca oppure a caselle multiple? Per la domanda secca la scrittura per quella a caselle multiple fotografia, disegno e scrittura. Basta e avanza.

8) Ombra, penombra o sole. Cosa preferisci?

Decisamente ombra. Adoro il sole ma preferisco l’ombra. Si suda meno e non ci si ustiona la pelle. Tanto ci si abbronza lo stesso senza patire le pene infernali. Per l’inferno c’è tempo.

9) Credi nei concetti di dignità e onore?

Certamente. Anzi sono i valori cardine del mio pensare. Però dignità significa riconoscere che ognuno di noi è degno di stare nella società con i suoi pregi e difetti. Onore? Ognuno di noi deve essere sincero prima con se stessi e poi con gli altri. Ovvio che vale il reciproco.

10) Cosa ti fà più male?

Cosa male? Ce ne sono di cose che fanno star male. Conclusione è meglio pensare positivo, così quando arrivano fanno meno male.

11) Cosa ti dà il blog?

Un momento di svago e relax. E poi si possono conoscere molte persone con cui scambiare quattro chiacchiere virtuali.

Bene. Ho assolto la mia fatica di rispondere alle undici domande ma che sudata, ragazzi.

Grazie Recensioni53

 

Annunci

Liebster award 2018 – primo dell’anno

Standard

Ogni tanto qualcuno si ricorda di me. Non che mi dispiaccia se non sono in cima ai loro pensieri ma gli award li accetto volentieri ma per rispetto a chi mi legge preferisco chiudere la catena qui.

Nonsolocampagna ha avuto il gentile pensiero di nominarmi e visto che siamo in tema di ringraziamenti mi inchino e faccio il baciamani come d’uso secoli fa. Si sa che Matusalemme era un giovincello rispetto a me ma è meglio non dirglielo. È molto permaloso di essere giù dal podio, quindi lo lascio lì volentieri.

Dopo questa sbrodolata senza senso cerco di essere un pelino serio.

Le regole per partecipare sono:

Ringraziare il blogger che ti ha nominato.

Rispondere alle sue domande.

Il grazie l’ho già scritto ma forse si è perso tra le parole.

GRAZIE Nonsolocampagna

Le domande di Nonsolocampagna.

1. Descrivete la vostra personalità con una parola

Non esiste una sola parola ma tutte quelle del mondo, perché, vanitoso come sono, io sono il mondo. Magari, dico io, rinsavendo un pochino, ma forse sono un generoso scemo con una punta di ottimismo. È più di una parola? Pazienza ma sapete sono un tantinello logorroico.

2. Descrivete con una parola ciò che non sopportate di più in una persona

diamine solo una? Ma è una mania. Ci devo pensare un po’ ma poi ve lo dico.

Cosa non sopporto tutto il negativo possibile. Ce l’ho fatta? No? Va bene ci proverò al prossimo award.

3. Cosa vi piace di più in una persona, sempre con una parola

Uffi, sento odor di uffi uffi. Ma come si fa a racchiudere in un vocabolo tutte le persone. Ergo non scrivo nulla. Non si sa mai che qualcuna s’offenda.

4. Ringraziatemi perché non vi faccio scrivere fiumi di parole.

Ci hai messo in difficoltà, altro che ringraziamenti. Bastano e avanzano quelli iniziali.

Come è ormai prassi consolidata non ringrazio nessuno. Se qualche temerario/a volesse cimentarsi con le quattro domande è il benvenuto.

Ma guarda un po’: Blogger recognition award

Standard

Paola di parole di polvere ha pensato bene di nominarmi e io la ringrazio di cuore. Pensate è il secondo che ricevo dopo quello di Idee in movimento di Alidifarfalle – che splendido nome.

Orsetto rimettiti in riga devi ringraziare Paola per il gentile pensiero e non divagare come il tuo solito!

Procediamo con le regole come in tutti gli award che si rispettino.

Blogger Recognition Award – Le regole
• ringraziare il blogger che vi ha nominato e inserire il link al suo blog;
• scrivere un post per mostrare il proprio premio di riconoscimento;
• raccontare brevemente la nascita del proprio blog;
• dare dei consigli ai nuovi blogger;
• nominare altri 15 blogger ai quali si vuole passare questo premio di riconoscimento;
• commentare sul blog di chi vi ha nominato e fornirgli il link al tuo articolo

Il primo punto è assolto, così posso andare in Paradiso mondato da tutti i miei peccati di blogger. Il ringraziamento è scritto come pure il link.

Il secondo? Ma ragazzi cosa sto facendo? Teatrino o scribacchino? Quindi se avete la pazienza di leggerlo fino in fondo, potete trovare l’immagine del premio stesso. Mi raccomando. Proseguite nella lettura, altrimenti scrivo per nulla. Con questo ho sistemato i primi due punti.

Come nasce il mio blog Newwhitebear’s Blog – Poesie e racconti: i colori della fantasia

Il blog ha una storia lunga: dieci anni e molti mesi. Qualcuno dirà: ma ha una testa dura questo newwhitebear, perché non ha ancora smesso di scocciare coi i suoi post. Forse avete ragione ma si sa che gli orsi sono tenaci.

Nasce per scommessa contro me stesso. Ma è proprio balengo, questo orso. Scommette contro di sé. In effetti ero convinto che nessuno mi avrebbe letto, quando ai primi del 2007 – sì avete letto bene – ho scritto il primo post sul sito di Microsoft Windows Space Live. Ovviamente scommessa vinta. Nessuno lo lesse o almeno non ne lasciò traccia. Credo che fosse una poesia. Anzi no una curiosa riflessione. Vi lascio il link se qualcuno avesse l’ardire di leggerla. Parlavo di scommesse. Scommessa vinta dal blog e persa dal sottoscritto. Passato il primo choc, qualche incauto cominciò a leggere le mie schifezze e commentare pure ma in poco tempo un bel po’ di seguaci leggevano e commentavano. Qualche approfondimento a base di mail c’è stato. Io sono fatto così. Curioso come un orso. Mi disse che il successo mi avrebbe messo ansia con rischio di sindrome da post bianco – Non si dice così? Va bene è una licenza del blogger. Due mesi dopo ho deciso di farlo morire d’inedia. Ma il richiamo del blog era troppo forte. A maggio sono finito su quella splendida e sempre rimpianta piattaforma di Splinder. Un posto davvero speciale dove c’erano persone speciali. Da lì non mi sarei mosso, nemmeno a cannonate, se non fosse defunta. Il passaggio su WordPress è stato naturale, perché Microsoft aveva chiuso la sua e mi ha traslocato coattamente qui. Ma questa è storia recente si fa per dire: gennaio 2011. Niente di speciale dunque ma una lunga storia.

Ragazze e ragazzi ci siete ancora oppure mi avete abbandonato al mio destino. Per i più tenaci proseguo.

Anche il terzo punto è andato in porto.

Mi domando se a ricevere nomine sia così faticoso ma proseguo

Consigli a nuovi blogger

Consigli per gli acquisti? Consigli per i blogger? Qualcuno me ne suggerisce di validi per me, perché sono ancora un apprendista blogger. L’unico suggerimento, niente consiglio – brutto vocabolo -, è dimostrarsi cortesi e gentili con gli altri, accettare le loro opinione senza recedere dalla propria, rispondendo in modo educato. Il resto viene da sé. Ognuno deve trovare la propria identità sul web senza crearsi un alter ego difforme da quello che si è.

Qui è stata dura. Dare dei consigli? È una bella impresa ma proseguiamo.

Ci siete ancora? Un ultimo sforzo e poi potete mandarmi a quel paese.

La nomina di 15 blogger? La salto, perché tutti sono nominati. Siete tutti nel mio cuore, quindi niente scelte antipatiche.

L’ultimo punto è più facile. Un commento l’ho lasciato. Un secondo mi fa piacere.