Archivi categoria: Annunci

Attenzione – leggere con cura

Standard

Il blogger lucarota ha pubblicato un post interessante da leggere qui ma rimanda a qualcosa di più istruttivo che potete leggere .

Io condivido ma declino ogni responsabilità se qualcuno si riconosce in quei scritti.

Annunci

Avviso agli internauti

Standard

Per chi non conosce e quiondi non frequenta webnauta propongo una succosa notizia. Avete nel cassetto un racconto da spiaggia? Sì? Buttatelo, perché non vi serve ma leggete questo

Racconti da spiaggia.

Le Parole Coordinate e le Parole Impreviste

Anche per questo contest c’è da scrivere qualcosina e per fornire la direzione del nostro viaggio in terre lontane e fantastiche abbiamo bisogno di una mappa e di una rotta. A darci una mano ci sono le Parole Coordinate.
Per questa edizione il Navigatore diventa ONDIVAGO, ed è questo il punto nave di partenza, mentre BARDO – CLAFOUTIS – BRILLANTE sono le prime tre coordinate da toccare durante la navigazione in mare aperto.
Non forniamo le definizioni delle parole, ognuno le utilizzi per il significato che più gli infonde ispirazione. Così come non vi diremo di salpare su un optimist, un flying dutchman o un trimarano da sessanta piedi, scegliete la barca e l’andatura che preferite, purché arriviate in tempo all’arrivo in porto.

Queste sono quindi le Parole Coordinate da rispettare:

Ondivago – Bardo – Clafoutis – Brillante

Si tratta in sostanza di scrivere secondo una matrice di prompt, ne avevamo parlato qui: Che cosa sono le Matrici di prompt 

Nel mese di luglio arriveranno a sorpresa agli iscritti alla Newsletter altre due parole, le Parole Impreviste, come al Monopoli.
Potrebbero essere il tassello mancante alla vostra storia oppure mettervi il bastone fra le ruote della narrazione. Ancora non sappiamo quali sono, le troveremo a sorteggio. Si chiamano impreviste proprio per questo, come le tempeste e le burrasche!
Solo chi comprenderà nel testo anche le Parole Impreviste potrà concorrere per i premi in palio.

Come funziona il contest Racconti da spiaggia

Le regole per la partecipazione sono poche, ma semplici. E in caso di dubbio, siamo qui pronti a rispondere. Ricordatevi dunque di:

  • iscrivervi alla newsletter di questo blog per poter ricevere le Parole Impreviste (se l’indirizzo non corrisponde al dominio del vostro blog, avvisate con una mail ed effettueremo noi l’aggancio manualmente);
  • scrivere un racconto breve (max 10.000 caratteri, spazi inclusi) o una lunga poesia, come preferite. Non sempre ci vogliono tante parole, per scrivere bene. Il tema del testo deve toccare le Parole Coordinate della rotta, ONDIVAGO – BARDO – CLAFOUTIS – BRILLANTE, più le Parole Impreviste che saranno inviate via Newsletter agli iscritti durante il mese di luglio. Chi si iscriverà nel mese di agosto, riceverà tutte le Parole Impreviste direttamente in mail facendone richiesta;
  • se sei un blogger, crea un post con il tuo testo in gara, linkando questa pagina e inviandoci una mail con l’indirizzo del tuo sito: ti inseriremo nella lista dei concorrenti, al termine di questo articolo;
  • se non hai un blog, inviaci una mail con il tuo scritto a barbara.businaro@webnauta.it: provvederemo noi a inserirti in una pagina dentro webnauta (e ti invieremo poi il link via mail);
  • se sei un minorenne, inviaci l’autorizzazione scritta firmata da uno dei tuoi genitori per poter pubblicare a tuo nome (oppure caro genitore, inviaci tu via mail il testo di tuo figlio) e inviarti il premio in caso di vincita;
  • se non sei un blogger, condividi comunque l’iniziativa e il tuo racconto/poesia sui tuoi social, in qualsiasi piattaforma tu sia iscritto, con il tag #webnauta; se il tuo testo ottiene più apprezzamenti, lo noteranno anche i giudici ovviamente ??
  • fate attenzione alla scadenza: inviate via mail o scrivete il testo nel vostro blog entro le ore 24 del 10 settembre 2018;
  • i vincitori saranno proclamati il giorno 13 settembre 2018, proprio con la riapertura delle scuole al termine delle vacanze. Riceveranno poi i premi all’indirizzo che ci forniranno: via mail la gift card elettronica, con pacco tracciabile la tazza e il cappellino webnauta.

Capito? Suvvia mettete al lavoro le vostre sinapsi e dedicate un po’ di tempo a un bel racconto da leggere in spiaggia sotto l’ombrellone – va bene anche il lago, la montagna e la collina ma pure anche la vostra casa – e rischiate grosso. Cosa? Di vincere uno tre premi.

Forza e coraggio. Io ho cominciato e presto ne vedrete delle belle 😀

comunicato di servizio

Standard

Con l’avvento del GPDR – il nuovo regolamento europeo sulla privacy – si stanno verificando casi di malfunzionamento nel commentare i blog e me ne scuso. Vorrei farlo ma non riesco.

Qualcuno è stato risolto, altri restano pendenti. Mi riferisco i seguenti blog

Nadia Banaudi, Elena Ferro, Primula e Farovale ma potrebbero essercene altri.

Tutti questi blog hanno in comune una gestione particolare dei commenti. Non viene richiesta l’autenticazione tramite Gravatar ma secondo un protocollo diverso, che ignoro. Prima del 25 maggio, momento topico, io commentavo, compariva il mio avatar e compariva la scritta ‘sto inviando il tuo commento’ che dopo qualche secondo spariva e compariva il commento – moderato oppure no – in coda o in cima.

A partire da quella data, non si apre nemmeno la finestra dei commenti per il blog di Nadia e di Elena, mentre per Primula e R0 con una piccola modifica sul browser si apre la finestra di dialogo ma mi segnala un errore sullo script.

Prima di proseguire ricordo che uso Linux – Ubuntu – con Firefox. Aprendo invece l’altro PC, diciamo di emergenza, in ambiente Win10 col medesimo browser ce la faccio a commentare.

A questo punto ho cominciato a investigare sul perché e ho visto che lo scripts, l’oggetto che gestisce il commento, è diverso nei due sistemi operativi. E’ come se wordpress, quello a pagamento, inviasse due scripts differenti a seconda del sistema. Ulteriore dettaglio Nadia e Elena hanno il suffisso it e Primula e R0 com

Nel primo caso – .it – lo scripts è sballato completamente, nel secondo, .com , lo scripts non sa dove tornare. Ovviamente sono stati usati due script diversi per i due domini differenti. Mistero della fede, pardon di WordPress, perché usi cose diverse per fare la medesima cosa solo perché uno è .it e l’altro .com – ma vale anche per il .net che si comporta come il .com

Chi avesse avuto la pazienza di leggermi, probabilmente avrà già il mal di testa e avrà smesso di leggere. Li capisco perfettamente perché sono cose tecniche che vanno lasciate ai professionisti e non all’utente finale.

A questo punto mi arrendo, per due motivi. Il primo non posso correggere lo scripts ma lo può fare solo WordPress. Il secondo non posso segnalare a WordPress il problema.

Posso provare ad analizzare il problema relativo .com tramite il wp sul mio sito ma non garantisco di arrivare a soluzione per mancanza di tempo e poi non so se mi daranno ascolto, visto che non pago un centesimo per l’uso.

L’unico suggerimento che posso dare è quello di transitare tramite gravatar, che non dà problemi. Come? Modificando la gestione dei form dei commenti almeno credo, come fa la stragrande maggioranza di quelli a pagamento.

Nel mentre queste quattro blogger mi dovranno scusare se leggo ma non commento. Non posso. proverò a lasciare solo un like se me lo consente.

Avviso ai naviganti

Standard

Calma. Non sono sparito, Un semplice incidente di percorso e imbianchini in casa.

Linux ha deciso dopo un aggiornamento di non voler ripartire. Conclusione recupero dati e rifatto sistema.

La presenza di imbianchini in casa ha rallentato le operazioni. Ma tra un giorno dovrei, uso il condizionale, essere di nuovo operativo sistemando gli ultimi dettagli.

Quindi riponete lo champagne in frigo, non è ancora detto che vi lasci.

A presto

Liebster award 2018 – primo dell’anno

Standard

Ogni tanto qualcuno si ricorda di me. Non che mi dispiaccia se non sono in cima ai loro pensieri ma gli award li accetto volentieri ma per rispetto a chi mi legge preferisco chiudere la catena qui.

Nonsolocampagna ha avuto il gentile pensiero di nominarmi e visto che siamo in tema di ringraziamenti mi inchino e faccio il baciamani come d’uso secoli fa. Si sa che Matusalemme era un giovincello rispetto a me ma è meglio non dirglielo. È molto permaloso di essere giù dal podio, quindi lo lascio lì volentieri.

Dopo questa sbrodolata senza senso cerco di essere un pelino serio.

Le regole per partecipare sono:

Ringraziare il blogger che ti ha nominato.

Rispondere alle sue domande.

Il grazie l’ho già scritto ma forse si è perso tra le parole.

GRAZIE Nonsolocampagna

Le domande di Nonsolocampagna.

1. Descrivete la vostra personalità con una parola

Non esiste una sola parola ma tutte quelle del mondo, perché, vanitoso come sono, io sono il mondo. Magari, dico io, rinsavendo un pochino, ma forse sono un generoso scemo con una punta di ottimismo. È più di una parola? Pazienza ma sapete sono un tantinello logorroico.

2. Descrivete con una parola ciò che non sopportate di più in una persona

diamine solo una? Ma è una mania. Ci devo pensare un po’ ma poi ve lo dico.

Cosa non sopporto tutto il negativo possibile. Ce l’ho fatta? No? Va bene ci proverò al prossimo award.

3. Cosa vi piace di più in una persona, sempre con una parola

Uffi, sento odor di uffi uffi. Ma come si fa a racchiudere in un vocabolo tutte le persone. Ergo non scrivo nulla. Non si sa mai che qualcuna s’offenda.

4. Ringraziatemi perché non vi faccio scrivere fiumi di parole.

Ci hai messo in difficoltà, altro che ringraziamenti. Bastano e avanzano quelli iniziali.

Come è ormai prassi consolidata non ringrazio nessuno. Se qualche temerario/a volesse cimentarsi con le quattro domande è il benvenuto.

Ma guarda un po’: Blogger recognition award

Standard

Paola di parole di polvere ha pensato bene di nominarmi e io la ringrazio di cuore. Pensate è il secondo che ricevo dopo quello di Idee in movimento di Alidifarfalle – che splendido nome.

Orsetto rimettiti in riga devi ringraziare Paola per il gentile pensiero e non divagare come il tuo solito!

Procediamo con le regole come in tutti gli award che si rispettino.

Blogger Recognition Award – Le regole
• ringraziare il blogger che vi ha nominato e inserire il link al suo blog;
• scrivere un post per mostrare il proprio premio di riconoscimento;
• raccontare brevemente la nascita del proprio blog;
• dare dei consigli ai nuovi blogger;
• nominare altri 15 blogger ai quali si vuole passare questo premio di riconoscimento;
• commentare sul blog di chi vi ha nominato e fornirgli il link al tuo articolo

Il primo punto è assolto, così posso andare in Paradiso mondato da tutti i miei peccati di blogger. Il ringraziamento è scritto come pure il link.

Il secondo? Ma ragazzi cosa sto facendo? Teatrino o scribacchino? Quindi se avete la pazienza di leggerlo fino in fondo, potete trovare l’immagine del premio stesso. Mi raccomando. Proseguite nella lettura, altrimenti scrivo per nulla. Con questo ho sistemato i primi due punti.

Come nasce il mio blog Newwhitebear’s Blog – Poesie e racconti: i colori della fantasia

Il blog ha una storia lunga: dieci anni e molti mesi. Qualcuno dirà: ma ha una testa dura questo newwhitebear, perché non ha ancora smesso di scocciare coi i suoi post. Forse avete ragione ma si sa che gli orsi sono tenaci.

Nasce per scommessa contro me stesso. Ma è proprio balengo, questo orso. Scommette contro di sé. In effetti ero convinto che nessuno mi avrebbe letto, quando ai primi del 2007 – sì avete letto bene – ho scritto il primo post sul sito di Microsoft Windows Space Live. Ovviamente scommessa vinta. Nessuno lo lesse o almeno non ne lasciò traccia. Credo che fosse una poesia. Anzi no una curiosa riflessione. Vi lascio il link se qualcuno avesse l’ardire di leggerla. Parlavo di scommesse. Scommessa vinta dal blog e persa dal sottoscritto. Passato il primo choc, qualche incauto cominciò a leggere le mie schifezze e commentare pure ma in poco tempo un bel po’ di seguaci leggevano e commentavano. Qualche approfondimento a base di mail c’è stato. Io sono fatto così. Curioso come un orso. Mi disse che il successo mi avrebbe messo ansia con rischio di sindrome da post bianco – Non si dice così? Va bene è una licenza del blogger. Due mesi dopo ho deciso di farlo morire d’inedia. Ma il richiamo del blog era troppo forte. A maggio sono finito su quella splendida e sempre rimpianta piattaforma di Splinder. Un posto davvero speciale dove c’erano persone speciali. Da lì non mi sarei mosso, nemmeno a cannonate, se non fosse defunta. Il passaggio su WordPress è stato naturale, perché Microsoft aveva chiuso la sua e mi ha traslocato coattamente qui. Ma questa è storia recente si fa per dire: gennaio 2011. Niente di speciale dunque ma una lunga storia.

Ragazze e ragazzi ci siete ancora oppure mi avete abbandonato al mio destino. Per i più tenaci proseguo.

Anche il terzo punto è andato in porto.

Mi domando se a ricevere nomine sia così faticoso ma proseguo

Consigli a nuovi blogger

Consigli per gli acquisti? Consigli per i blogger? Qualcuno me ne suggerisce di validi per me, perché sono ancora un apprendista blogger. L’unico suggerimento, niente consiglio – brutto vocabolo -, è dimostrarsi cortesi e gentili con gli altri, accettare le loro opinione senza recedere dalla propria, rispondendo in modo educato. Il resto viene da sé. Ognuno deve trovare la propria identità sul web senza crearsi un alter ego difforme da quello che si è.

Qui è stata dura. Dare dei consigli? È una bella impresa ma proseguiamo.

Ci siete ancora? Un ultimo sforzo e poi potete mandarmi a quel paese.

La nomina di 15 blogger? La salto, perché tutti sono nominati. Siete tutti nel mio cuore, quindi niente scelte antipatiche.

L’ultimo punto è più facile. Un commento l’ho lasciato. Un secondo mi fa piacere.

Nanowrimo winner 2017

Standard

You, wonderful author, spent this past November unleashing your creative powers, fighting back inner editors, and teaming up with thousands of writers around the world. We’re incredibly proud to welcome you to the NaNoWriMo winner’s hall.

Congratulations on your superheroic achievement!

 

Winner Certificate