Disegna la tua storia – un’immagine di Waldprok – Tramonto dopo la tempesta

Standard

Ancora una splendida immagine di Waldprok, che ho rubato per scrivere questo breve racconto.

 

Anche se l’estate è arrivata più o meno nel periodo canonico, a Venusia i cambiamenti climatici ci sono e si avvertono in pieno. Nessun venusiano può impedire temporali improvvisi e violenti e lunghi periodi di siccità anche tenendo comportamenti virtuosi. Ci pensano gli altri a combinare pasticci. Le classiche quattro stagioni esistono solo nei racconti dei vecchi, che ricordano con nostalgia che la primavera era dolce e piovosa, l’estate secca e non troppo afosa, l’autunno profumato e nebbioso e l’inverno rigido e nevoso. Adesso nulla è come prima. Nevica a marzo e fa caldo a febbraio. A luglio o si muore dal caldo o si annega nel pantano. Insomma fare il meteorologo è come vincere al superenalotto. Sì, sì, avete letto bene: superenalotto. I venusiani hanno una vena di ludopatia con le carte, coi gratta e vinci e col lotto.

Torniamo alla nostra estate che non è più quella di prima. Lombroso, un meteorologo famoso che sta di continuo in televisione, afferma che è colpa dell’anticiclone delle Azzorre, che è fuggito non si sa dove.

Ermete si chiede dove stiano queste Azzorre oppure se Azzorre è un signore nerboruto che picchia chi fa gli sgarbi irritando il tempo.

«Ma dai, sciocco» dice Beppe che si vanta di conoscere la geografia. «Sono un posto in mezzo al mare».

«Ma il mare dov’è?» chiede Mario, che al massimo è stato allo stagno delle anitre.

Ermete ride.

«Santa ignoranza! Il mare è laggiù» e indica un posto lontano sull’orizzonte.

«Macchè! Il mare è là» e Beppe allunga il braccio nella direzione opposta.

Berto sbuffa per quei tre che continuano a punzecchiarsi, mentre tiene in mano la carta che deve calare sul tavolo.

«Vogliamo finirla questa partita?» urla indispettito.

Poi alza gli occhi verso il cielo e rimane di sasso. Lo spettacolo è incredibile. Un’ora prima un cielo di piombo stava sopra la testa mentre acqua a rovesci ha allagato tutta Venusia. Chi abita vicino alla montagna ha visto le strade che portano alla piazza trasformate in torrenti fangosi. Un buio pesto che ha fatto accendere i lampioni. Poi come i cumulonembi sono arrivati, sono scomparsi lasciando posto al rosso del sole che tramonta e al grigio nero delle nuvole che se ne andavano.

«Anziché parlare di cose che non conoscete» fa Berto, ponendo le sue carte sul tavolo e indicando con l’indice il cielo. «Guardate là, che meraviglia ci riserva la natura».

Annunci

»

Sono curioso di sapere cosa ne pensi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...