Il mazzo di fiori – parte trentaduesima

Standard

Ben Hamman è seduto di fronte al magistrato. E’ agitato, non comprende i motivi della convocazione. Secondo lui ha già spiegato tutto la settimana scorsa.

“Mi dica, Ben Hamman, per quale motivo ha una Smart gialla?” domanda Lopapa con tono neutro.

“Dottore” comincia a farfugliare il tunisino, “le ho già spiegato che la Smart gialla era l’unica macchina disponibile”.

“Mi sembra un oggetto vistoso, che difficilmente passa inosservato” lo incalza il magistrato.

“Si, convengo con lei ma era l’unica macchina disponibile subito e io l’ho presa” rispose Ben Hamman, che sudava copiosamente, anche se la giornata non era caldissima.

“Quante volte ha prestato la sua macchina per mezza giornata?”

“Mai. La uso solo io”.

“Quanti chilometri fa in un mese?” gli domanda bruciapelo Lopapa.

Il tunisino capisce che il magistrato lo sta incastrando. Non può affermare che ne fa molti al mese, perché aveva sostenuto nel precedente interrogatorio che la Smart era abitualmente parcheggiata sotto casa e che la usava di rado. Prova a dire qualcosa di plausibile.

“Forse un migliaio al mese” tenta di sparare per cercare di salvare capre e cavoli. “Però non ne ho tenuto il conteggio dei chilometri, Dottore”.

Lopapa sbuffa per aver sentito per l’ennesima volta ‘Dottore’. Riflette un attimo, perché sa di aver incastrato il tunisino. Finge di rileggere l’incartamento, finché non rialza gli occhi.

“Che stranezza! Un contachilometri che segna un bel po’ di di chilometri, quando lei ne dichiara di farne pochi all’anno. Forse non funziona bene?” esclama il magistrato, come se fosse sorpreso.

“Non saprei…” farfuglia, incespicando nelle parole. “Potrebbe essere. In effetti non ho mai controllato il suo funzionamento”.

“Mi dica, quanti anni ha la Smart?”

“E’ del maggio 2010…” borbotta Ben Hamman.

“Dunque ha tre anni e quattro mesi. Ovvero soli quaranta mesi. Lei afferma di fare…” dice Lopapa, interrompendosi sul più bello.

“A spanne circa duemila chilometri” risponde il tunisino.

“Dunque all’incirca ottantamila…”.

“Sì” ammette a denti stretti.

“Ah! Solo ottantamila e gli altri cento e ventimila chi li ha fatti?” lo incalza il magistrato.

“Non saprei…”.

“Ma la Smart è sua?” gli domanda Lopapa.

“Sì”.

“Ma non sa chi la usa?”

“No. Veramente…” dice, interrompendosi subito.

“Ben Hamman, lo sa che posso incriminarla come complice di un duplice assassinio?” lo ammonisce il magistrato. “Vuole chiamare il suo avvocato oppure gliene devo trovare uno d’ufficio? Preferisce invece essere meno reticente e di dire la verità?”

“Dottore, se parlo mi ammazzano” dice con voce strozzata il tunisino.

“Lei provi a parlare sinceramente. Poi sarò io a stabilire come proteggerla” conclude Lopapa.

Ricardo, tornato in ufficio, chiama i più fidati collaboratori per assegnare loro i vari compiti.

“Antonio” dice, rivolgendosi all’ispettore alla sua destra. “Dovrai raccogliere dai vari alberghi, hotel, bred&breakfast, affittacamere di Ferrara e dintorni gli elenchi degli ospiti dal 20 agosto a oggi. Voglio avere il rapporto stasera sulla mia scrivania”.

“Ma Paolo non ce la farò mai!” replica attonito il poliziotto.

“Prendi con te gli uomini che servono. Non accetto ritardi” esclama con voce che non ammette repliche il commissario.

Poi si rivolge all’altro ispettore alla sua sinistra. “Giuseppe contatta l’anagrafe e chiedi un appuntamento con responsabile. Devi ottenere la fotocopia della fotografia di Antonio Lopiccolo. L’ultimo indirizzo valido è via Carlo Mayr. Se è possibile, cerca di ottenere anche quello attuale”.

“Dottò, mi serve una richiesta scritta e poi oggi è sabato…”.

“Per la richiesta nessun problema. L’avrai prima di incontrare il responsabile. Sabato o non sabato devi avere queste informazioni entro stasera”.

“Ma se non lo trovo…” borbotta timoroso l’ispettore.

“Scomoda il sindaco, l’assessore o chi vuoi tu ma le informazioni devono essere sul mio tavolo stasera. E ora” dice Ricardo rivolgendosi ai presenti, “al lavoro. Il tempo stringe”.

Un leggero brusio accompagna le persone che escono dalla stanza del commissario. Un parlottare sottovoce per commentare le richieste. “Non ce la farò mai a ottenere gli elenchi degli ospiti! Pare una missione impossibile” borbotta Antonio scuotendo la testa. “Perché credi che sarà facile reperire il responsabile dell’anagrafe per ottenere quello che Paolo vuole?” sussurra Giuseppe sconsolato.

Ricardo, rimasto solo, prova ad allocare le tessere del puzzle in maniera differente senza grossi risultati. Prende la scheda preparata per Carlo Inzoli nella speranza di trovare qualche spunto. La corregge e la rilegge.

Carlo Inzoli

LUOGO DEL DELITTO: abitazione della vittima – Via Frescobaldi

CAUSA DELLA MORTE: un colpo di pistola al cuore

MOVENTE: eliminazione di un testimone scomodo (?)

ASSASSINO: il Killer(?)

COMPLICI: nessuno

MANDANTE: nessuno

ARMA DEL DELITTO: pistola con silenziatore

PARTICOLARI: ha aperto la porta d’ingresso al suo assassino, che conosceva

TESTIMONI: nessuno

PERSONE DA INTERROGARE: vicini di casa, amici

PERSONE DA RICERCARE: Antonio Lopiccolo, Anna Inzoli

NOTE: collegato a Teresa Lopiccolo? Sì. L’amica del cuore era la sorella, che è fuggita col padre di Teresa sette anni fa. Un mazzo di fiori con annesso biglietto pare non essere stato recapitato. Dove è finito? Secondo Ludmilla non è tipo da mandare fiori. Però un mazzo è stato recapitato, il secondo pare scomparso.

DUBBI: è stato lui a convincere Teresa Lopiccolo a seguire Ludmilla?

“E’ inutile fare troppi ragionamenti. Senza prove o indizi si rischia solo il cortocircuito! Telefono a Ludmilla per convincerla a far vuotare il sacco alla Russo. Con lei si apre, con noi è una sfinge”.

Annunci

»

  1. Insomma .. Ludmilla riceve un mazzo di fiori da un ammiratore anonimo e deve essere lei a cercar di far cantare i probabili indiziati? Evvabè … siamo di fronte alla giustizia italiana!
    D’altro canto però se Maria si ostina a tenere con il procuratore il becco chiuso, qualcuno deve pur fare il lavoro sporco e se l’infingarda sfinge si apre solo con la donzella non resta che seguire il pensiero di Ricardo.
    Ma piuttosto … Ludmilla …. tutto okay? O sta cercando di depistare proprio con il ricevimento di quel mazzo di fiori anonimo?
    Si arriva al punto che tutti sembrano i colpevoli ed il vero colpevole non salta fuori!
    Che poi data l’ora potrebbe benissimo essere il rospo (ex principe) che si nasconde sotto la tua pianta di timo.
    Così per dire …..

    Mi piace

    • In questo momento il rospo viaggia sereno per il giardino. Di giorno se ne sta rintanato ma di sera è vispo come un grillo.
      Tutti colpevoli e nessun colpvole? No! No!
      Ludmilla fa il lavoro sporco? Serve sempre qualcuno che lo faccia.
      Il racconto sta entrando nella fase che piano piano si spiega da sola.

      Mi piace

      • Sai che anch’io ho un rospo? Se ne sta buono sotto la pianta appena annaffiata, non ha preferenze di specie. L’ho chiamato Asdrubale, però non risponde al richiamo e non è neppure così brutto come si dice … .-)
        Speriamo che il racconto si dipani autonomamente, la curiosità è tanta adesso di capire il movente. Io avrei pure la curiosità di chiedere “perchè un mazzo di fiori e non una scatola di cioccolatini?”. Il mazzo di fiori se non conosci chi te lo manda non l’apprezzi in pieno mentre i cioccolatini si lasciano assaggiare indipendentemente dall’autore, scopri un gusto diverso in ognuno di essi, un incarto particolare, una forma, un bigliettino fantasioso all’interno e va a finire che fatto il pieno di seratonina non t’importa nemmeno più di conoscere il mittente …. 😉

        Mi piace

  2. Buon giorno, Gian Paolo !
    Per la prima volta ho sentito il sapore e l’aroma di rosmarino in Italia (2002)
    il matrimonio di mia figlia con un italiano in Toscana! 🙂
    Quello che non ho giardino, crescere rosmarino in una pentola che si trova nel balcone del condominio! 🙂
    Per quanto riguarda le finali WTA al Roland Garros
    Tutti i commenti fatti su
    http://aliosapopovici.wordpress.com/2014/06/06/
    ho detto! 🙂
    Tempo verrà in cui Simona Halep
    sarà battere Maria Sharapova! 🙂 🙂 🙂
    Grazie per la vostra visita e commento! 🙂
    Aljosha.

    Mi piace

  3. Sicuramente il fatto che Anna Inzoli sia scappata con il padre della Lopiccolo crea scompensi. Ma come collegare il tutto? Devi dire a Lopapa e Ricardo che si sbrighino a capirci qualcosa io sono curiosa. A presto. Isabella

    Mi piace

Sono curioso di sapere cosa ne pensi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...