Il Borgo – Capitolo 27

Standard

Ex casa di Modena pavimento tinello

Si alzarono dai due grandi divani in alcantara per prepararsi per il pranzo, dopo aver preso l’aperitivo nella sala d’ingresso col camino. Era stato un momento festoso e chiassoso dove tutti parlavano tra loro in maniera confusa e allegra senza un preciso argomento.

I padroni di casa decisero che nessuno doveva sistemarsi a capotavola ma ci si doveva disporre uno di fronte all’altro sui due lati lunghi per favorire la conversazione. Eva si collocò esternamente per poter muoversi con calma tra loro e la cucina, di fianco a lei stava Giacomo e Betta, mentre dalla parte opposta c’erano Marco, Laura e Mattia. La tavolata presentava un bel colpo d’occhio ben assortito e ciarliero.

L’atmosfera era cordiale, calda e rilassata. Si parlava di tutto mentre in silenzio si rifletteva sugli altri.

Marco osservava con interesse i due nuovi acquisti, perché gli sembravano che si fossero ben integrati nel gruppo che si stava allargando.

«Betta ha il viso quasi inespressivo con quegli occhi castano scuri e i capelli setosi e lisci, quasi corvini che non ravvivano il volto chiaro e minuto. Però mostra una certa competenza sulle opere d’arte e ha una vasta cultura generale di base su una molteplicità di argomenti differenti tra loro. Nonostante a volte paia estraniarsi dalla conversazione con la mente, che vaga non si sa dove, rimane sempre vigile e pronta a rispondere o inserirsi nei discorsi con proprietà e padronanza. Mi hanno detto che lavora in un laboratorio di restauri ma per il momento non ne ha fatto cenno. Aspetterà probabilmente il momento opportuno per parlarne».

Il padrone di casa la scrutava non osservato, mentre mangiava composta al fianco di Giacomo.

Analogamente Eva guardava tra una forchettata e l’altra Mattia che era il dirimpettaio di Betta, esattamente come lei stava di fronte a Marco.

«E’ un bel ragazzo, estroverso e ciarliero. Pare tosto e pragmatico nelle risposte. Pochi grilli per la testa ma concreti. E’ un buon conversatore e molto attento a quello che ognuno di noi dice. Parla ma mai fuori luogo, facendo attenzione alle parole che escono dalla bocca. Forse non è appariscente ma riesce imporre con naturalezza la sua propensione a essere leader. Non so se riuscirà a legare con Laura ma forse si potrebbero vedere delle scintille».

Ragazzi” esordì Laura calamitando l’attenzione di tutti. “Dopo tante chiacchiere piacevoli e interessanti, credo che sia giunto il momento di parlare del Borgo e nel nostro progetto”.

Nessuno mosse obiezioni salvo Eva, che lanciò una proposta.

Che ne dite di trasferirci in sala sul divano con una tazzina di caffè fumante davanti e un liquorino per chiudere degnamente il pranzo?” disse muovendo circolarmente gli occhi per cogliere le espressioni degli altri.

Niente dolce?” domandò Marco quasi deluso.

Si, golosone!” replicò Eva. “Ricapitolando. Una fetta di torta delle rose per tutti, un caffè nero bollente e una bottiglia di nocino come digestivo. E adesso tutti di là!”

Poi rivolgendosi al suo compagno gli disse “Tu resti con me a fare il cameriere. Del Borgo ne parliamo quando ci siamo tutti”.

Quando torta, caffè e la bottiglia di nocino furono di fronte a ciascuno di loro, si cominciò a parlare del progetto.

Dovete sapere” cominciò Laura “ che il Borgo qualche notte fa mi è apparso come un Trollo di corteccia. Non l’avevo riconosciuto e lui c’è rimasto male”

Un trollo?” domandò Eva con la bocca piena tanto che quasi soffocò per un boccone che stava andando di traverso.

Sì, un trollo o almeno così mi è apparso. Come facevo a riconoscerlo travestito in questa maniera singolare?” si giustificò la ragazza.

Giacomo che sapeva già tutto annuì per conferma.

Mattia continuò a raccogliere le briciole della torta dal piatto come se fosse disinteressato al racconto della ragazza.

Ne vuoi un’altra fetta?” gli chiese Eva, che aveva notato l’armeggiare del ragazzo per disinnescare possibili reazioni di Laura.

Grazie, molto volentieri. E’ veramente squisita. E’ tipica di Modena? Non la conoscevo”.

Sì, anche se in realtà non è il dolce tipico modenese, che è il bensone. La Pasticciera San Biagio la produce in maniera sublime. Poi vi racconto come è nata” replicò alzandosi per andare a tagliare un’altra fetta. “Altri che vogliono il bis?”

Io” disse Marco timidamente mostrando l’indice.

Non ce ne era bisogno, perché so che ne sei ghiotto”.

 dolci_tortarose_small

Dunque. Dicevi, Laura che il Borgo ti è apparso all’improvviso sotto false sembianze …” cominciò Marco dopo la breve interruzione, usando un tono neutro nella voce.

Mi sembra che sia un po’ ironico” sussurrò Betta nell’orecchio di Giacomo, che annuì per conferma.

Ma come poteva riconoscerlo? Un trollo di corteccia!” giunse in soccorso Mattia prima che la ragazza potesse replicare. “Sfido chiunque a capire che sotto quelle sembianze si celasse il Borgo! Cosa ti ha detto?”

Le prese una mano, perché aveva percepito che si stava innervosendo.

Nulla. Semplicemente è svanito” disse contrariata.

Poi non è più riapparso?”

No. Sembrava infastidito da questo mancato riconoscimento” ammise delusa.

Mattia tra un boccone di torta e un sorso di nocino disse: “E se l’andiamo a trovare, forse diventa più amico”.

Non è il periodo migliore questo. Ci dovrebbero essere diversi giorni di sereno” mormorò Giacomo in un sussurro quasi impercettibile.

Beh! Se il detto non mente tra qualche giorno dovrebbe esserci l’estate di San Martino”.

Laura si sentì rinfrancata per l’aiuto di Mattia e riacquistò il sorriso.

Potrebbe essere un’idea” soggiunse.

Siamo tutti d’accordo?” domandò Mattia.

Io ci sto” disse Betta sollevando il braccio. “Una bella occasione per capire lo stato delle pitture della chiesa. Così posso organizzarmi per il loro restauro”.

«Ecco che sorniona avanza la sua candidatura a restauratrice del Borgo” pensò Marco, trasmettendo con gli occhi il suo pensiero a Eva, che accennò col capo di aver compreso il messaggio.

Lavori per un laboratorio di restauri?” le chiese Laura incuriosita.

Sì”.

Che bello! Abbiamo l’architetto e la restauratrice. Il fotografo ufficiale. E tu Mattia cosa sai fare?” esclamò sorridente la ragazza.

Nulla o tutto” rispose scanzonato. “Porto in dote con Giacomo serramenti metallici e impianti elettrici”.

Tutti risero alla battuta del ragazzo, che continuava a mangiare a piccoli bocconi la torta come se volesse farla durare più a lungo.

Però prima di ascoltare cosa ci deve dire ancora Laura, vorrei ascoltare la storia della torta” disse Eva.

La leggenda narra che Gabriele D’Annunzio era solito regalare rose alle sue amanti. Un giorno, un forte gelo colpì il suo giardino, bruciandole tutte. Allora pensò di recarsi da un fornaio per commissionargli un qualcosa che assomigliasse al fiore preferito. Gli ordinò di creare un panettone con le sembianze di una rosa. Da quel giorno, questo stupendo dolce andò a sostituire per sempre le rose prendendo il nome di ‘Panettone delle Rose’”.

La ragazza fece una breve pausa prima di riprendere il discorso.

La Pasticceria San Biagio, un’istituzione di Modena in fatto di dolci e altre specialità, decise di produrla secondo la ricetta tipica Lombarda (Lago di Garda) con alcune rivisitazioni, per migliorarne il gusto. E’ una torta unica nel suo genere, inspiegabile nel suo sapore unico, molto delicato. Nel corso degli anni è divenuta la specialità più ricercata della pasticceria. Marco ne va matto e la vuole sempre ogni domenica”.

Mi sa che prima di ripartire faccio un giro dalle parti della pasticceria. Dista molto di qui?”

No, no!” rispose ridendo Eva. “Solo un centinaio di metri”.

Tornando al nostro Borgo, che pare un po’ permaloso” disse Marco. “Organizzi tu la spedizione?” aggiunse rivolgendosi a Laura, che fece sì col capo.

Altre novità?” domandò il padrone di casa.

Sì” rispose Giacomo. “Oltre ai materiali che accennava Mattia, ho trovato una ditta di legnami di Ferrara, che ci fornisce una parte di legno gratuita, come sponsorizzazione, e il resto a condizioni di favore. Ha detto di essere disponibile anche al trasporto in loco”.

Grandioso!” esclamò Marco. “Penso che il progetto stia progredendo molto bene”.

Ci sarebbero altri quattro persone, due ragazzi e due ragazze disponibili a entrare in pianta stabile nel gruppo. Hanno detto che possono essere a disposizione per tutti i week end e per le ferie di agosto. Non ho ancora detto di sì, perché volevo sentire la vostra opinione”.

Si accese un’animata discussione su queste quattro persone, finché venne data via libera.

Parte del pomeriggio era ormai svanita ma non la loro voglia di condividere il progetto del Borgo.

Ex casa di Modena soffitto tinello

//

»

  1. Un episodio intavolato davanti a una bella e buona tavola imbandita
    I personaggi tra sguardi d’intesa, chiacchiere di conoscenza, e la delicata bontà del dolce e le sue
    origini lasciano un dolce sapore nella lettura e nella bocca
    Bravissimo, ottimo come sempre
    Ti abbraccio
    Mistral

    Mi piace

  2. Pingback: Time out for Art: Mandala | the terrain of symmetry

Sono curioso di sapere cosa ne pensi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...