Il Borgo – capitolo 16

Standard

La fanpage del Borgo vide finalmente la luce e con essa anche le prime richieste di chiarimenti. Laura per dieci giorni si immerse pienamente nell’esame di Comunicazione Giornalistica, suscitando interesse con la sua tesina d’esame.

Ha scritto un bel pezzo di articolo giornalistico” le disse il professore dopo averlo letto. “Dimostra maturità e partecipazione attiva trasformando informazioni in qualcosa di pulsante, esattamente come dovrebbe essere l’impegno del giornalista. Si sente partecipazione nell’illustrare la notizia, in quell’atto di accusa per l’oblio verso questi luoghi una volta pieni di vita ma ora ridotti a scheletri silenziosi”.

Le parole del professore la colpirono moltissimo facendole comprendere che il giornalista va in cerca di notizie ma poi le deve rivestire con le sensazioni che esse danno per rendere partecipe anche il lettore di quello che succede.

Questo penultimo ostacolo sulla strada della laurea venne superato brillantemente, tanto che al termine della prova ebbe i complimenti della commissione e altri dodici crediti scritti sul suo libretto.

Adesso poteva dedicarsi senza assili al progetto, a riprendere il filo del discorso col Borgo, che aveva dovuto accantonare per non essere distratta nella preparazione dell’esame. L’ultimo era tra tre mesi e non aveva particolari difficoltà. In novembre avrebbe preso accordi per la tesi finale. Dunque aveva tempo in abbondanza a disposizione.

Concordò con Eva di vedersi il secondo sabato di ottobre dopo che per diverse volte si era rimandato l’incontro per una causa o per l’altra. Giacomo faceva il pendolare mentre prendeva confidenza col nuovo lavoro. Eva avrebbe iniziato il suo stage di due mesi a Bologna col primo di novembre, mentre Marco continuava a fotografare. Però qualche altro attore si stava proponendo attraverso la fanpage per dare una mano nel recupero del Borgo ma erano ancora vaghe figure sfumate sull’orizzonte.

Emma continuava ad aggirarsi col passo felpato del gatto svelto a gettarsi sulla preda, perché con discrezione ascoltava e valutava le mosse della figlia senza però scoprire nulla di più di quel che conosceva già.

Quel Giacomo è tenace” rifletteva sorniona e curiosa. Avrebbe voluto che la figlia trovasse un bravo ragazzo come lei aveva ritenuto a suo tempo Ernesto, anche se ultimamente lasciava un po’ a desiderare. Tutto sommato, si diceva, era meglio di tanti altri mariti di sua conoscenza. Aveva visto sbriciolarsi tanti matrimoni negli ultimi anni che pur con qualche difetto evidenziato di recente era pur sempre una persona con la quale stava ancora bene insieme. Arrivata alla soglia dei cinquant’anni e dei venticinque di matrimonio pensava che sarebbe stato difficile trovare una persona migliore di lui. Quindi era sufficiente chiudere un occhio, fingere di non vedere e sopportare. “Quel ragazzo ha del fegato, perché continua a telefonare nonostante Laura sia sempre pronta a sbranarlo e farlo a pezzi, soprattutto con la luna di traverso. Mi piacerebbe tanto conoscerlo, vederlo di persona ma se ci provo …”. Però non tentava mai.

Arrivato il sabato del sospirato incontro a quattro, Laura al termine del pranzo si barricò nella sua stanza, mentre Ernesto si stravaccava sul divano dinnanzi alla Tv per guardare i programmi sportivi di Sky. Emma sospirando in cucina infilava nella lavastoviglie piatti e bicchieri, quando il suo udito fine sentì il telefono di Laura squillare.

Se abbassasse l’audio del televisore, potrei ascoltare quello che dice” si disse innervosita dalla voce petulante del cronista sportivo. In un momento di calma udì «… allora passi da casa a prendermi …» e basta perché tutto fu coperto nuovamente dal suono della Tv. “Se potessi .. ti sbatterei in testa questo piatto …” disse con un filo di voce irata e innervosita. Non era riuscita a capire quando sarebbe arrivato Giacomo con suo disappunto.

Era ancora in cucina, quando ascoltò un colpo di clacson deciso. “Sta a vedere che è il nostro Giacomo” disse avviandosi verso la finestra che dava sulla strada, quando si fermò stupita. Laura era agghindata con pantaloni e camicetta elegantissima e in mano teneva un cappotto leggero. Emma non ricordava nemmeno che la figlia possedesse quei capi d’abbigliamento.

Dove sta andando? A qualche festa elegante?…” disse la madre guardandola sbalordita. Quasi non la riconosceva. «Se invece di infagottarsi con jeans sdruciti e maglione, si vestisse come oggi farebbe stragi di cuori maschili. Ma …» rifletteva osservandola come era vestita.

Uffa! Mamma! Sempre a chiedere … dove vai? come sei elegante … Sto uscendo e basta …” rispose trattenendo il tono della voce con molta fatica.

Che esci, lo vedo da me … Non penso che stai in casa vestita così …” replicò ironica.

La ragazza fece spallucce e proseguì come se le ultime parole della madre non le avesse pronunciate.

Non aspettatemi per cena. Resto fuori …”.

Non fare tardi. Prendi la macchina?” domandò sorniona.

No!” fu la risposta secca di Laura.

Ah! Come torni stanotte?”

E’ un interrogatorio in piena regola questo?” replicò piuttosto irritata.

No, no! Mi chiedevo ..”

Fai troppe domande, mamma!”

Ehi, voi due … avete finito di bisticciare?” disse con tono secco Ernesto.

Ciao!”

Fa la brava e non tornare troppo tardi” le disse baciandola sulla guancia con affetto per poi precipitarsi alla finestra.

Vide solo una vecchia punto e Laura infilarsi sul lato del passeggero.

Sarà per la prossima volta” disse a malincuore.

Ernesto …”.

Che c’è ancora?” rispose irato.

Nulla, nulla. Continua a guardarti il tuo televisore”.

//

»

  1. Speriamo che Laura presenti Giacomo alla madre al più presto! anche lei è piuttosto tenace nel tentare di scoprire il più possibile sul ragazzo, per quanto le sue tecniche investigative non sortiscano che risultati deludenti…
    un altro bel capitolo…
    un abbraccio

    Mi piace

  2. Anche se è un scontro tra generazioni ( come scrivi tu), la madre, come tutte le madri
    fa bene a “indagare” sul chi, quando, come, a che ora, etcc…
    Certo, non è affatto diplomatica, ma meglio avere una madre che si interessa che il contrario.
    Aspetto novità sul Borgo, ma anche di Laura e Giacomo
    Bravo, bravo
    Un forte abbraccio
    Mistral

    Mi piace

  3. Molto interessante il tuo pensiero sul giornalismo:
    “il giornalista va in cerca di notizie ma poi le deve rivestire con le sensazioni che esse danno per rendere partecipe anche il lettore di quello che succede…”
    Abbraccionotte, amico mio
    grazia.

    Mi piace

  4. Bello, bello, bello ! Divertente, ritmato, fine psicologia dei personaggi e perché no, parole ben spese a favore di una categoria che ultimamente é stata spernacchiata un po’ da “tutti”.
    Anche se poi “tutti” corrono a frotte, tra l’impavido, il cialtrone e l’impaurito, nelle braccia di “mamma giornalismo”.
    Tant’é.

    Ah, le mamme, sono uguali in tutte le latitudini e non importa di quanti fusi orari ti sposti in un senso o nell’altro.
    Piacevolmente impiccione, testarde e romantiche, ma anche spietate analiste di se stesse, che vorrebbero per i figli solo il meglio. Sono mamme, una malattia incurabile.

    Mi piace

Sono curioso di sapere cosa ne pensi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...