Un raggio di sole

Standard

Un raggio di sole,

simile allo scarno braccio,

invade,

penetra

l’oscura stanza.

Fuori gli elementi si sono scatenati

in un vigoroso e sinfonico concerto di voci.

L’irregolare picchiare delle gocce,

il furioso martellare della pioggia

è stato simile al cupo

e melanconico rullare del tamburo,

che c’accompagna nell’ultimo viaggio.

Ora il sole ha sconfitto l’oscurità

e gli elementi scatenati.

Dalla strada

un gradevole odore di terra bagnata

riempe le narici dilatate

a cogliere l’attimo fuggente di felicità.

A poco a poco,

a tratti

con lentezza quasi esasperante

il raggio di sole

percorre ed esplora

le pareti della stanza

che proseguono verso l’infinito.

A gara le rondini tornano gaie

a solcare il cielo ancor più terso,

perché invisibili particelle d’acqua

riflettono la luce, impreziosendolo

di un azzurro sempre più bello.

Il tuono, il lampo,

riposto il fragoroso rombo e l’accecante guizzo,

si quietano e osservano tranquilli

preparandosi a portare su nuove terre

altre angosce, altre ansie, altri timori.

Il continuo rinnovarsi incanta il fanciullo,

che impaurito da tanta violenza

stava sbigottito accanto alla madre,

che lo conforta.

E’ attratto da tutto,

ma tutto respinge spaventato

e aspetta fiducioso il sereno

e il ritorno della calma

per riacquistare la fresca baldanza dell’età,

ricca di gioie, povera di amarezze.

L’aria mitigata si prepara

ad accogliere la sera,

che più fresca si avvicina in silenzio alle case.

Calano le tenebre,

scende la notte

salgono le stelle

s’illumina la luna.

Tutto riposa tranquillo

e tutti sognano felici,

mentre compare la gioia ristoratrice del sonno.

Annunci

»

  1. Mi rivedo in quel fanciullo impaurito e meravigliato al tempo stesso.
    Da bambina avevo terrore dei temporali (anche oggi) e correvo a rincuorarmi accanto alla mamma.
    Un quadro dipinto da un’ anima sensibile e attenta
    Baci baci
    Mistral

    Mi piace

  2. Curioso come ci sia calma e pace dal primo all’ultimo verso.
    La musicalità è ottima e, a parte la mia foga nel leggere che mi fa perdere le dovute pause nella lettura, m’ha tenuto incollato e affascinato fino all’ultimo verso.

    Un piacere leggere le tue poesie…

    Johnatan

    Mi piace

  3. Mi trovo nuovamente qui a curiosare leggendo qualche tua poesia. E sono rimasta incantata dalle tue parole delicate che con semplicità parlano di fenomeni naturali, di passaggi dal giorno alla notte e di quella paura del bimbo di fronte ad un rumore ( quello del tuono ) per lui incomprensibile.Delicatezza e semplicità che originano una poesia di largo respiro. Complimenti. A presto. Isabella

    Mi piace

Sono curioso di sapere cosa ne pensi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...