La busta bianca

Standard

“Fuck! Crap!” urla Mark, mentre tenta di sbloccare la cerniera rimasta a mezz’aria incastrata negli slip.
“Daughter of bitch!” impreca mentre vede Simona infilarsi tra un pila di copertoni e delle portiere, sparendo alla sua vista.
“Floozy, I’ll kick your ass!” le sibila mentre incespica nei jeans semi abbassati, tentando di rincorrerla.
La sente muoversi cautamente tra i rottami rugginosi di macchine, ma prima deve allacciare il bottone se vuole correre senza il rischio di cadere ad ogni passo. Vede sul prato il perizoma che le ha appena strappato e lo raccoglie come un feticcio trofeo.
“Wannabe forgiveness, slut!” e lo raccoglie annusandolo.
Il profumo del indumento intimo carica Mark, che ricomincia la caccia a Simona. Però ha perso tempo prezioso e non la sente più aggirarsi tra le carcasse d’auto contorte. Pensa che si sia nascosta impaurita da qualche parte, mentre si muove come un toro furioso dinnanzi al drappo rosso.
Gira e rigira inutilmente l’immenso cimitero delle auto senza trovarne traccia o sentirne l’odore. Infuriato perché la preda è fuggita, raggiunge la Buick nera parcheggiata in un luogo riparato, lontano da occhi indiscreti, e comincia a perlustrare la strada.
Non è una zona molto trafficata, quindi difficilmente può avere trovato un passaggio da un automobilista in transito ed è sicuramente ancora nei dintorni.
Ripercorre la carreggiata un paio di volte senza notarla e poi strepita “Fuck! Crap! Playbacks are hell! You are a fucking cunt! Bastard!”, perché si ricorda che cento metri dopo il viottolo c’è la fermata del bus e l’ha visto arrivare mentre stava perlustrando il ciglio erboso alla ricerca di Simona.
E impreca contro se stesso perché la riteneva una stupida donna, incapace di ribellarsi, mentre si rivela più astuta e temibile di quello che pensava. E l’ha sottovalutata. Da quel momento dovrà usare più astuzia se la vorrà riprendere. Scuote il capo e imprecando riprende la strada per New York.
La caccia è appena iniziata e durerà finché non l’avrà trovata. Sa che non rinuncerà con facilità a un bocconcino così prelibato, mentre il membro diventa duro pensando a lei.
 
Simona osserva l’ora proiettata sul soffitto e ha un sobbalzo.
“Ho dormito due ore! E sono ancora nuda!”
Si guarda intorno e decide di non uscire alla ricerca di un ristorante e rinuncia all’idea di farsi servire un pasto nella suite dal servizio ristorante come la sera precedente.
“Userò il servizio di cucina. Nel congelatore ho visto delle pizze e nel frigorifero formaggio, birra e acqua. Per stasera mi arrangio così. Tv via cavo o qualche buon CD serviranno ad allietare la serata. Per domani ci penserò. Nello studio c’è una postazione PC con accesso a Internet funzionante. Bene, così più tardi mi faccio un giro per vedere le ultime novità e leggere un po’ di posta”.
Pensa che sia inutile recriminare sugli avvenimenti del pomeriggio, perché alla fine non cambierebbe nulla. Si è dimostrata ingenua e incauta, ma dovrà raddoppiare le attenzioni per non cadere tra le grinfie di Mark. Fa mente locale sul viaggio di ritorno  che è programmato per 14 luglio 2009, mentre oggi è solo il 3 Luglio.
“Ancora undici giorni, prima di recarmi al JFK Airport e imbarcarmi sul volo Air France  con destinazione Milano e tappa a Parigi. Undici giorni di supplizio con l’incubo di vedere il viso di Mark! New York è grande, ma il caso ci vede bene, anzi benissimo! Quando ritieni di essere al sicuro.. zac! e spunta la persona più indesiderata! E lui lo è! E se capita come farò a districarmi? Riuscirò a sfuggirgli ancora una volta oppure finirò sua prigioniera senza diritto di riscatto?”
Sono questi i pensieri di Simona, quando osserva il display che segna le 8 p.m., di conseguenza in Italia la mezzanotte. Però non ha nessuna voglia di chiamare casa, perché è tardi e non ha nessuna intenzione di raccontare gli avvenimenti odierni.
“Lo farò domani. Saranno in pensiero perché non mi sono fatta viva, ma Dio mio sono una donna adulta! Questo lo devono capire. Ora devo riprendere fiato e fare il punto della situazione per i prossimi giorni. Di sicuro non ne parlerò con loro, perché sento già i pianti di mamma e le urla del papà che mi intima di prendere il primo volo di ritorno! Sono a New York e voglio finire la mia vacanza anche se l’ansia mi farà da scorta implacabile. Però non posso di certo barricarmi qui dentro per undici giorni. Per stasera passi, tanto più che non ho molta fame, ma da domani si esce per New York e che Dio me la mandi buona”.
Un pallido sorriso compare sul viso di Simona, che sdraiata sul letto continua a osservare il soffitto. E poi spazia con l’occhio fuori della grande vetrata per ammirare lo spettacolo del tramonto, che gioca fra i grandi palazzi di fronte. La mente è vuota, come se tutti i pensieri fossero volati via impauriti per lo scampato pericolo.
Non sa il perché, ma sta ricordando Anna, mentre osserva tra le cosce aperte il ciuffo nero, che si riflette senza imbarazzi nello specchio di fronte al letto.
Non è stata un’esperienza esaltante, eppure qualcosa ha imparato: “Devi essere più aggressiva se vuoi sopravvivere!” Però sembra che la lezione non sia servita.
Avevano lavorato entrambe come segretaria nella ditta Bombardi, che qualche anno dopo la loro assunzione aveva chiuso i battenti. “E per fortuna! Così ognuna di noi due ha seguito strade diverse. Io ho trovato un impiego quasi subito a Carugate, lei è rimasta a spasso e se ne è tornata a Aci Castello. Senza troppi rimpianti la nostra storia è finita”.
Per qualche tempo si sono sentite per telefono, poi lentamente l’oblio è sceso sul loro rapporto. E ripensandoci col senno del poi, non avrebbe rifatto anche questo errore.
Non riesce a capacitarsi dei motivi per i quali sta ripercorrendo parte della sua vita e del riaffiorare di tanti ricordi, quando uno squillo la distoglie dal pensiero di Anna.
Si guarda inquieta alla ricerca della fonte rumorosa.
“Non è il mio telefono. Cos’è?” si domanda mentre la suoneria ad intervalli cadenzati fa sentire il suono.
“Ah! E’ il telefono di fianco al letto. Chi sarà mai che mi cerca? Nessuno sa che alloggio qui a parte i miei genitori. Nemmeno Irene, che avrebbe voluto accompagnarmi. Però forse .. Sarà meglio che risponda così smette di ululare”.
Un brivido di terrore le percorre la schiena mentre solleva il ricevitore.
“Hello!”
“Miss Ferrari?”
“It’s me”.
“Reception speaking. There’s a message to you”
“A message? Who?” risponde attonita Simona non riuscendo a capacitarsi chi le avrebbe potuto scrivere.
“I don’know.  I send it to you with an office boy”.
“I’m sorry. Wait a moment, please. I can’t receive someone”.
“Sure! You arrive in a quarter of an hour. Goodbye!”
“Thank, goodbye”.
Simona si veste in fretta con un paio di jeans e una camicetta, mentre s’infila un paio di ballerine leggere nell’attesa di sentire bussare.
Aspetta con ansia di leggere il contenuto del messaggio e conoscere il misterioso mittente.
“Chi sarà mai? Eppure sono stata discreta negli spostamenti”.

Un breve squillo annuncia l’arrivo del fattorino e prepara un mezzo dollaro di mancia.
Con le mani tremolanti apre la busta bianca ed estrae un foglio scritto a mano.
Legge e sbianca.

Annunci

»

  1. Il racconto si adatta perfettamente a questo mese di luglio, lungo torrido e angosciante tanto quanto le vicissitudini che sta vivendo Simona.Se un giorno dovrò dire un paio di improperi in americano, attingerò sicuramente alle esclamazioni di Mark (un'ottima fonte di ispirazione, direi!).Comunque, fossi in Simona, denuncerei a chi di dovere l'accaduto e andrei a finire le vacanze da qualche altra parte. Magari con una gita organizzata per anziani, giusto per starmene tranquilla.Curiosa di vedere come proseguirà la storia 🙂

    Mi piace

  2. Sei bravissimo a creare attesa e suspense. Certo che a Simona non gliene va bene una!Mi ha divertito il linguaggio di Mark, che comunque prova la tua preparazione e competenza: io credo che in una buona storia i dettagli siano molto importanti.Un abbraccio 🙂

    Mi piace

  3. ElisinoB, innanzittutto ti ringrazio per il bel commento che hai fatto. Poi mi fa piacere che il colorito linguaggio di Mark sia fonte di ispisrazione per le parolacce in lingua.Certo se Simona si reca a NYPD e sporge denunce e poi parte per una crociera con gli ultranovantenni sarebbe più rilassata, ma perde la vacanza nella grande mela e il mio racconto finisce qui.Dunque a lunedì prossimo 2 Agosto per la quarta puntata della saga.Un abbraccio

    Mi piace

  4. Grazie Anneheche! Certo a Simona le emozioni non mancano, ma quasi quasi se le va a cercare.Il linguaggio di Mark? Non è stato facile trovare qualche espressione che fossero tipiccamente americane. Forse ce ne sono di più colorite e con uno slang più accentuato, ma per il m omento mi accontento così.Concordo con te che anche i particolari possono contribuire a migliorare la storia. Però se è scarsa rimane scarsa. Come sia la mia la lascio giudicare a chi la legge.Un abbraccio

    Mi piace

  5. Carissimo lunedi' saro' in vacanza e temo di non riuscire a leggerti.Comunque recuperero' i capitoli in cui rimarro' indietro al mio rientro.Cosi' avro' piu' cose interessanti da leggere in un colpo solo.Complimenti per il tuo racconto!baci e a prestoClaudia

    Mi piace

  6. oh mamma che ansia!.. chi è? chi è?.. a quando la prossima 'puntata'?..grazie per i complimenti e per i tuoi calorosi saluti.. ma perchè sono sparita da qui?.. forse semplicemente ero a corto di idee!..Baci, Mary

    Mi piace

  7. Ciao Mary, a quando la prossima puntata? Lunedì 2 agosto. Ho pensato di pubblicare ogni lunedì come appuntamento fisso una puntata fino al termine della storia o meglio nel mese di agosto e forse nelle prime settimane di settembre. La storia non è lunghissima e sono già pronte numerose puntate.Ti ringrazio per il passaggio e il tempo dedicato a leggere i miei post.Un abbraccio

    Mi piace

  8. Ho letto anche questo capitolo, forse leggere i racconti a ritroso non è il modo migliore per capirli. Cmq hai evidenziato bene la contrapposizione fra il personaggio Mark e quello di Simona.Io però, che non conosco l'antefatto mi chiedo come mai due personaggi così abbiano quel tanto in comune da rendere lei la preda di un uomo, Mark, che all'apparenza è così detestabile.Se persegui la suspance, credo che ci stai riuscendo.Trovo che tu sappia scrivere bene, ci sono alcune piccole imprecisioni che se vuoi ti segnalo.Un caro saluto a te

    Mi piace

  9. Princess06, grazie per il bel commento. Se vuoi leggere i pochi capitoli che ho scritto (sono quattro in tutto) basta selezionare il tag VIAGGIO e li hai in ordine e vicini.In effetti la mia idea era proprio quella di creare effetto suspance, ma fa piacere che per il momento ci sono riuscito.Grazie ancora per il complimento di scrivere bene. Accetto volentieri le tue segnalazioni su errori od altro, perché per quanta cura e attenzione ponga nel rimuoverli me ne sfuggono sempre troppi. Un lettore esterno è in grado di rintracciarli.A presto

    Mi piace

Sono curioso di sapere cosa ne pensi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...