Capitolo 9

Standard

Pietro si stava riponendo la domanda del giorno precedente: “Chi è Elisa?”. Lui continuava a non capire chi potesse essere, poiché aveva passato in rassegna tutte le conoscenze femminili, che si potevano contare sulle dita di una mano, senza trovare una corrispettiva figura che si adattasse a lei.
Devo chiederle dove mi ha conosciuto o continuare a fingere di sapere chi è? Eppure viso e nome non mi dicono nulla. Proprio nulla. Una ragazza così attraente non la posso dimenticare con molta facilità! Nonostante tutto rimane una sconosciuta. Una magnifica sconosciuta!  Non conosco nulla di lei. Non so dove abiti. A Belluno? A Longarone? A.., ma dove? Sento l’angoscia crescere, ma la devo dominare.
Elisa si stringeva a lui come a cercare protezione, mentre si avviavano a seguire Marco.
Quest’uomo che emana un calore incredibile mi attrae. Vorrei essere solo con lui, fra le sue braccia, ma non posso. Riesco a percepire solo il calore che il suo corpo emana senza assaporare il profumo della sua pelle. Quando potrò essere sua?
Erano queste le riflessioni di Elisa mentre sbirciava nella porta socchiusa.
“Cos’è?” chiese osservando degli strani macchinari fermi e impolverati.
“E’ il generatore di corrente. Per accendere le lampade alla sera” rispose pacato Marco “Qui non arriva la corrente elettrica. O usi le lampade a petrolio o accendi queste macchine. Ci sono anche pannelli fotovoltaici, non riescono a garantire la produzione di energia per tutto. La luce a volte è insufficiente”.
“E come funzionano?” disse di nuovo Elisa incuriosita.
“Con il gasolio. Un motore diesel aziona il generatore” replicò incuriosito “Come mai sei interessata a questo? Pensi già di trasferirti qui?”.
“No. Sono una donna!” replicò sorridente e si strinse ancora di più a Pietro, che era rimasto in silenzio e indifferente alla funzione delle macchine, alle domande curiose della donna, a tutto quello che in quel momento si svolgeva intorno a lui.
“Di qui si scende in una cantina fresca. Ma accanto al forno, all’esterno, c’è anche un’altra dispensa dove si possono conservare altre scorte. Meglio che in frigorifero. In quella porta c’è anche l’unico servizio della baita. Uno scaldabagno a legna riscalda l’acqua prelevata da una cisterna che raccoglie acqua piovana e quella di un torrentello vicino. Per l’acqua da bere o cucinare c’è un piccolo impianto per la potabilizzazione. Non manca nulla o quasi… Diciamo che mancano gli abitanti”. E fece un largo sorriso.
Marco si accorse che questi particolari li stavano interessando poco, quindi si affrettò a salire verso la camera da letto posta nel sottotetto.
Elisa e Pietro lo seguirono in silenzio, perché avrebbero voluto essere soli, ma non era possibile.
La camera era ampia e prendeva luce da un lucernaio che si apriva sul tetto e una piccola finestra sull’ingresso. Un letto matrimoniale era posto nel centro, nel punto più altro della stanza. Una stufa di maiolica azzurra,addossata alla testata, provvedeva al riscaldamento dell’ambiente. Un armadio basso occupava la parete di fronte, mentre il pavimento di legno era ricoperto da un tappeto di lana.
Il letto era sistemato con cura, come se qualcuno l’avesse rigovernato di recente, la stufa era pulita e pronta all’uso con accanto un cesto di ciocchi di legna asciutta.
“Oh!” esclamò Elisa “Che bella e calda camera! Ma ci vive qualcuno?”
Marco sorrise di nuovo e non rispose, mentre osservava ora l’uno ora l’altra. Adesso era sicuro di avere acceso i loro interessi. E ne rimase soddisfatto. L’obiettivo era raggiunto.
Ridiscesero le scale che portavano al pianoterra nell’ampia stanza che rappresentava il cuore pulsante della baita.
“Che ve ne pare? Mi sembra veramente accogliente questo posto” disse sornione mentre si sedevano attorno al tavolo.
“Fuori c’è ancora un altro piccolo edificio. Un forno a legna, una dispensa e una legnaia. Una tettoia serve come riparo per il fuoristrada”.
Pietro era rimasto sempre in silenzio, quasi assente, ma vigile e attento ad ogni particolare.
“Quindi oltre al periodo estivo, volendo si può vivere anche d’inverno?” domandò con voce neutra.
Marco sorrise accennando con la testa ad una risposta positiva. Aggiunse che non esistevano i servizi tipici di città, ma la luce era assicurata dal generatore e dai pannelli, il riscaldamento dal camino e dalla stufa, l’acqua era potabilizzata da un piccolo impianto. “Una vita spartana, ma sufficientemente confortevole” concluse.
Pietro tornò in silenzio a ripensare all’assurdità del momento: un bosco enorme da comprare, una baita ben attrezzata, una donna affascinante e misteriosa ma del tutto sconosciuta, una sensazione di benessere accompagnata da emozioni piene di mistero e in parte di ansie e angosce.
La vicinanza di Elisa era l’appagamento fisico, la baita era il timore psicologico e l’aria cupa di un temibile segreto. Erano due emozioni contrastanti che lottavano tra loro ciascuna per avere la supremazia sulla sua mente.
La donna osservava i lineamenti di Pietro, ne scrutava gli occhi per penetrare nell’intimo senza riuscire a percepire se il sentimento che stava crescendo in lei era comune oppure no. Però lei sentiva dei turbamenti che aveva già provato nel passato senza che diventassero delle realtà concrete. Quell’umido tra le gambe era la prova della disponibilità sessuale, ma solo in questo posto. Era incerta se assumere l’iniziativa, ma qualcosa doveva fare per non lasciare esplodere a vuoto la propria carica sessuale come una bolla di sapone.
Marco adesso era in silenzio e aspettava che loro avanzassero proposte, mentre osservava il viso di Pietro che sembrava imperscrutabile e quello di Elisa che ardeva per la passione.
“Andiamo a passeggiare nel bosco?” chiese rompendo quella calma carica di tensione.

Annunci

»

  1. Un capitolo indispensabile, interlocutorio ma assai importante per l'accurata descrizione dell'ambiente e per i sentimenti di Elisa e Pietro. Adesso probabilmente la passeggiata introdurrà a una svolta.E Marco rimane più che mai misterioso…Un abbraccione ^^

    Mi piace

  2. Marco non la racconta tutta. Per me è la casa delle streghe… In inverno, con questi presupposti, mi sembra una baita inabitabile, ma chissà… a volte la compagnia giusta potrebbe trasformare il tutto in una piacevole avventura.Procedo nella lettura.

    Mi piace

Sono curioso di sapere cosa ne pensi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...