Nuovo frammento

Standard

Laura cercò di dimenticare sia Marco che Paolo, perché non se la sentiva di cominciare una nuova storia sentimentale dopo l’ultima cocente delusione, che aveva lasciato una ferita profonda e lacerante dentro di lei. Voleva metabolizzare la grande frustrazione che provava, analizzare cosa non aveva funzionato nel rapporto e le motivazioni recondite che avevano fatto sparire dalla sua esistenza Marco.

Adesso non voleva lasciarsi distrarre da altri pensieri e si concentrò sulle offerte ricevute, spedì altri curricula alla ricerca di un posto che fosse in grado di soddisfarla professionalmente oltre che economicamente. Per i problemi di cuore c’era tempo e potevano aspettare nell’anticamera dei sentimenti.

Non aveva fretta nella ricerca di un lavoro perché aveva la fortuna di poter scegliere tra le molte offerte sollecitate oppure no che stavano in bella mostra sul tavolo.

Inoltre non aveva problemi finanziari impellenti, che la obbligassero a selezionare in fretta qualche proposta. Era vero che desiderava affrancarsi economicamente e fisicamente dai genitori, come aveva fatto l’amica Sofia, ma tutto sommato stava bene in famiglia.

Dopo molti colloqui, scartò le proposte meno allettanti riducendo la scelta a tre offerte tutte interessanti e stimolanti. Però prima di prendere una qualsiasi decisione volle concedersi una settimana di ferie in montagna tra il silenzio dei boschi per ritemprare lo spirito e il corpo dopo gli stress subiti. Il clima era ancora invitante e caldo, mentre le giornate erano sufficientemente lunghe. Doveva solo scegliere la località.

Laura amava la montagna con i suoi silenzi, i suoi profumi, i suoi rumori, la trovava rilassante e tonificante per lo spirito.

Fino a diciotto anni aveva dovuto subire il rito del mare seguendo i genitori sulla Riviera ligure come tutti i milanesi doc nel mese di agosto. Come odiava quel mese trascorso sulla spiaggia, non potendo sopportare le grida dei bambini, tutti quei corpi seminudi, spesso orribili a vedersi, tutto quel miscuglio di odori sgradevoli, creme e sudore, la sabbia che s’insinuava maligna ovunque.

A diciotto anni disse ai genitori: “Se mi date la quota che spendete per me al mare, io vado in montagna con Sofia e ci rivediamo a casa”. E da allora trascorse un mese in montagna con l’amica di sempre, esplorando anno dopo anno varie località alpine. Questa tipo di vacanza proseguì anche dopo avere conosciuto Marco, che preferiva invece tornare a F… tra ricordi e sensazioni famigliari. Era un momento di distacco tra loro che serviva a rinsaldare il legame che come una tela di ragno li avvolgeva.

“Potrei andare in Valtellina a Bormio” disse mentre esaminava le diverse possibilità. Era una vallata bellissima con il parco dello Stelvio lì a portata di mano ed era l’occasione giusta per conoscere una zona della Lombardia. E senza prenotare partì.

Il viaggio fu un disastro, un autentico percorso di guerra tra strettoie, lavori in corso e deviazioni, ma alla fine stressata e stanca riuscì a raggiungere Bormio, dove parcheggiò l’auto nella centralissima Via Roma.

Cominciò a girarla a piedi per scegliere l’hotel che le sembrava il migliore ed il più accogliente, mentre pensava: “Settembre non è certamente un periodo del tutto esaurito, quindi mi posso permettere di scegliere quello che più mi aggrada”.

Girò il paese sempre col naso all’insù, osservando con cura alberghi e pensioni, si sentiva rinascere corroborata dall’aria frizzante e dalla tranquillità della cittadina. La stanchezza del viaggio era stata cancellata come una scritta sulla battigia, le tensioni interne si erano stemperate e sciolte come i minuscoli cristalli di brina al sorgere del sole.

Dopo il lungo passeggiare per le vie e le discrete domande a passanti alla fine optò per l’hotel Posta.

L’esterno era moderno, ma all’interno erano stati conservati particolari della vecchia struttura, dove un tempo si sostava negli spostamenti tra le vallate.

La stanza era accogliente ed i servizi eccellenti. “E’ un hotel di prim’ordine” si disse compiaciuta per la scelta effettuata.

Laura trascorse una settimana rigenerante tra passeggiate solitarie nei boschi ed escursioni nei dintorni, favorita da un tempo clemente e soleggiato abbastanza insolito per il mese di settembre. Alla sera frequentava le terme dove trovava tonificante la cascata termale, un’ebbrezza mai provata, ma nel complesso era tutto stimolante e rilassante, permettendole di scaricare lo stress accumulato nelle ultime settimane.

Sembrava rinata, distesa e rinfrancata quando riprese la strada verso Milano: aveva le idee più chiare quale offerta di lavoro avrebbe privilegiato, il ricordo di Marco stava sbiadendo anche se era ancora vivo e presente nel subconscio. La mente non era più quell’alveare impazzito dove i pensieri entravano ed uscivano come le api alla ricerca di pollini e profumi.

Era stata la vacanza giusta per rinascere e scacciare tanti fantasmi che si muovevano silenziosi dentro di lei.

Al rientro contattò le tre aziende che secondo lei erano meritevoli di interesse per l’ultimo e definitivo colloquio.

Scelse una grossa azienda, molto nota sul mercato, con diverse linee di prodotto. Fu assunta come assistente del product manager degli articoli per la montagna. Avrebbe dovuto occuparsi inizialmente della verifica della gestione dei prodotti per rilevare inefficienze e sprechi ed ottimizzare il loro ciclo di vita.

La prima settimana di ottobre avrebbe preso servizio per iniziare una vita diversa da quella vissuta fino ad ora. Le rimanevano ancora alcuni giorni di riposo prima di immergersi in un mondo completamente nuovo da scoprire esattamente come il viandante era alla ricerca della strada che portava a Roma, la mitica via Francigena.

L’ingresso nel mondo del lavoro avvenne per Laura dalla porta principale: aveva un bel ufficio luminoso tutto per lei accanto a quello del diretto superiore, veniva trattata con deferenza come se fosse una persona importante, anche se era l’ultima arrivata.

Laura ricambiò la fiducia riposta su di lei con impegno e professionalità facendosi subito ben volere da tutti per la cordialità, la gentilezza dei modi e il sorriso sempre presente sulle labbra.

Il nuovo lavoro, la concentrazione sulle mansioni ricevute fecero impallidire ulteriormente il ricordo di Marco e dimenticare la delusione subita. Psicologicamente si sentiva meglio, ma la ferita era lungi dal cicatrizzare completamente, perché era sufficiente un piccolo ricordo per farla sanguinare abbondantemente.

Non aveva tempo da dedicare alle attenzioni dei diversi corteggiatori che a turno cercavano di fare breccia nella sua mente. Non si sentiva pronta ad una nuova relazione stabile. Il suo cuore non batteva ancora di battiti accelerati, ma era come un vecchio diesel che si muoveva lentamente.

»

  1. Mi par di capire che i “frammenti” stiano componendo un puzzle. Le vite di questi personaggi, si sono ricongiunte solo attraverso i ricordi di Paolo. Ora viaggiano separatamente e solo seguendo il ritmo della narrazione, si potrà assemblarli nuovamente o leggerne il destino. Mi par di intendere che l’acqua è passata sotto i ponti e forse (forse?) ha corroso i pilastri portanti.
    Il tuo stile è come al solito pulito e elegante, con parti descrittive curate.
    Vorrei farti una domanda. Posso?
    La faccio. Perchè posti solo i frammenti di questo lavoro?
    Buona notte e un abbraccio affettuoso:-)

    Mi piace

  2. Jul, ti ringrazio perché leggi i miei scritti con attenzione e scrivi commenti sempre pertinenti ed intelligenti.
    Al tuo quesito ho risposto in PVT, per la trama hai ragione che i frammenti pubblicati sono tasselli sciolti di un puzzle, la cui immagine è già costruita.
    Il racconto si snoda tra presente, esiguo spazio di due giorni, e passato con flashback e ricordi, che si intrecciano nel presente.
    Pubblicherò qualche altro tassello, ma non l’intero racconto, che sarebbe troppo oneroso.

    Mi piace

  3. Non ci passo mai di qua, perchè quello che leggo m’incuriosisce e mi manca il tempo di approfondire. Ma novembre è vicino… un giorno o l’altro ti chiederò l’intero manoscritto! 😉

    Un dolce abbraccio
    .:)(:.

    PS… e tanti auguri a Laura! Non si sa mai, l’amore può essere sempre dietro la porta 😉

    Mi piace

Sono curioso di sapere cosa ne pensi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...