Il sole sta calando sui rossi tetti

Standard

Il sole sta calando sui rossi tetti,

penetrando con gli ultimi raggi nella stretta via,

dove il gatto per l’ultima volta si stende

a cogliere ancora, prima di tornare sui tetti

a contemplare il cielo stellato e la pallida luna,

gli ultimi attimi di luci del sole morente.

La via s’anima ancora, mentre le prime ombre

incutono paura ai fanciulli, che giocano sul selciato.

E’ un’emozione frettolosa, piena di ansie,

perché si vuole tornare prima di sera

accanto al focolare spento,

che riposa ancora per poco nella penombra incipiente.

Le lampade si confondono con il cielo,

acquistando una luminosità via via più intensa,

mentre il crepuscolo tremolante si va spegnendo.

E l’aria diventa greve ad afosa per un attimo,

pesando sugli abitatori di questo lembo di terra,

non propriamente felici, ma sereni e tranquilli.

Tutto si assopisce in un vellutato silenzio,

interrotto qua e là dal rauco stridore delle rondini

che innalzano al cielo il loro grazie,

per avere volato felici negli ampi spazi ancora una volta.

Dalle finestre esce un sospiro appena accennato,

velato dalla malinconia, impregnato dalla tristezza,

mentre le sfere dell’orologio proseguono inesorabili.

Lassù le stelle osservano con occhio amoroso,

perché nulla venga a turbare la pace del quartiere,

ultimo tempio aperto alla speranza e alla felicità.

La luna inonda con la luce carpita ad astri lontani

la stretta via che si insinua serpeggiante

nel cuore della città sonnolenta, che aspetta

il rinascere del sole per riprendere la vita troncata dalla sera.

Ad una ad una tutte le stelle scendono

dopo il faticoso perigrinare sulla volta celeste

e salutano di sfuggita la via, che va animandosi.

Quando la luce si confonde di nuovo con le lampade

E il gatto dopo aver girovagato per i tetti,

scende a dormire sul focolare spento,

allora il padrone si sveglia e va.

Coi primi raggi di un timido sole la pace estiva

si spezza, i rumori stridono

con la natura pacifica della via.

Tutto torna alla luce del giorno,

mentre nel cielo rondini intrecciano nuovi voli,

e i tetti ricevono nuovo calore.

La strada torna ad illuminarsi con la luce del sole.

Tutto torna alle sue naturali attività:

i gatti a rubare i raggi dorati,

gli uomini a sudare sul duro e faticoso lavoro,

la natura a riprendere l’incessante generazione di vita,

e la via ad essere un qualunque lembo di terra,

confuso in una città, che è dispersa su una verde piana,

solcata da un limaccioso fiume

e bruciata dall’ardente sole d’estate.

Così la felicità della notte torna a disperdersi

nell’infelicità di tutti.

Annunci

Sono curioso di sapere cosa ne pensi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...